lunedì 19 Aprile 2021

TORINO – RAGAZZA 13 ENNE STUPRATA E RICATTATA DA COMPAGNI SCUOLA

TORINO – Violentata dai compagni di scuola, in un garage abbandonato alla periferia di Torino, e costretta al silenzio per non vedere le foto e i video di quell’orrore finire in mano ai genitori.

Protagonista di questa drammatica vicenda, raccontata dalla Stampa in edicola oggi, una tredicenne. Per mesi è stata costretta a subire ogni tipo di umiliazione dai baby-stupratori, suoi coetanei. Fino a quando si è ribellata e per vendetta il branco ha spedito una foto alla madre, che ha denunciato tutto alla polizia.

Una storia di violenza e di degrado. “Tutti nel quartiere conoscevamo questa storia”, racconta al quotidiano torinese uno studente della scuola frequentata dalla ragazzina e dai suoi stupratori. “Sembrava una cosa normale – aggiunge – non avevamo capito che le avevano fatto dei video e la stavano ricattando”.

La polizia ha sequestrato telefoni e computer: nella banda del garage sarebbero pochi quelli che hanno compiuto quattordici anni. La loro vittima ha cambiato scuola. “E’ un fatto gravissimo – è il commento del preside – che adesso rischia di creare pregiudizi nei confronti di un quartiere che sta cercando di uscire dall’isolamento”.

AGGIORNAMENTO – Sono otto i minorenni indagati dalla Procura dei Minori di Torino con l’accusa di avere violentato per mesi una compagna di scuola tredicenne e di averla ricattata. L’inchiesta è seguita dal pm Antonella Barbera ed è partita in seguito alla denuncia della madre della ragazza, che si è rivolta ai carabinieri di una cittadina della prima cintura di Torino.

 

Leggi anche...

spot_img