sabato 16 Gennaio 2021

CUORGNÈ – Le riflessioni del Sindaco sulla Città Metropolitana

CUORGNÈ – Riceviamo e pubblichiamo: “Mi permetto di sottoporre questa mia riflessione”

“Dare gambe concrete al Distretto del Canavese, è il momento di parlarne seriamente.

Con l’incontro tenutosi mercoledì scorso, in quel di Rivarolo C.se, l’area del distretto della Città Metropolitana individuato come “Canavese Occidentale” può definirsi definitiva. Questo nuovo “perimetro” ci offre l’opportunità di tornare a ripensare il nostro territorio, come un’area vasta, abitata da oltre 80.000 persone e tra le più estese con i suoi 970 kmq, fatto di specificità, e al contempo identificabile come area “omogenea”, su cui elaborate ipotesi di sviluppo di medio e soprattutto di lungo periodo.

Paradossalmente sarà proprio questo nuovo perimetro geografico e politico, su cui insisteranno le diverse istanze, ad obbligarci, tutti, ognuno per le proprie specificità, a ragionare insieme come “distretto del Canavese” sulle diverse tematiche: dalla vocazione del nostro territorio, al modello di sviluppo integrato con la Città di Torino e con le altre aree omogenee contigue o con morfologia simile, dalla fiscalita’ di territorio, al sistema dei trasporti, all’offerta scolastica è così via. In questo contesto, ritengo che i diversi soggetti debbano cogliere l’opportunità e la sfida di ridisegnare il loro ambito tenendo conto di questo nuovo confine geografico, mettendo in rete quanti già operano nel territorio: comuni, partiti, associazioni di categoria, associazioni culturali, sportive, e così via, una opportunità che sarebbe logico anticipare e non subire e su cui sarebbe opportuno, da subito aprire un serio dibattito”

Beppe Pezzetto

Sindaco di Cuorgnè

Leggi anche...