martedì 13 Aprile 2021

TORINO – SEI ANNI DI PROCESSO PER BIBITA BEVUTA AL SUPERMERCATO

TORINO – Ha bevuto di soppiatto al supermercato una bibita che costava 1,29 euro e ha provocato un caso giudiziario che oggi, a sei anni di distanza dal fatto, è stato risolto dalla Corte d’appello di Torino.

Per il marocchino Youssef M., 38 anni, condannato in primo grado a Mondovì (Cuneo) nel 2009 a due mesi di carcere, è stata pronunciata sentenza di non luogo a procedere così come aveva chiesto la difesa sulla base di alcune considerazioni in punta di diritto.

Per poter bere, l’imputato aveva strappato la linguetta della lattina, e la linguetta, a differenza di quanto sancito dal tribunale, non è un “sigillo”: quindi si tratta solo di un tentato furto e non si può celebrare il processo per mancanza di querela.

Youssef era stato smascherato dalle telecamere di sorveglianza e segnalato alle forze dell’ordine. L’avvocato che ha firmato il ricorso in appello, Fabrizio Bruno di Clarafono, ha dichiarato: “Ma non bastava fargliela pagare?”.

Leggi anche...

spot_img