lunedì 19 Aprile 2021

BIELLA – DENICIATO IMPRENDITORE PER FALSE SPONSORIZZAZIONI SPORTIVE

BIELLA – Nell’ambito dell’attività operativa volta alla tutela delle entrate fiscali, la Compagnia di Biella ha eseguito una verifica fiscale nei confronti di una società di capitali operante nel settore laniero.

La verifica fiscale ha preso spunto da una complessa attività di indagine nell‘ambito di false sponsorizzazioni nelle gare automobilistiche che ha coinvolto, tra gli altri, anche l’impresa biellese. Infatti, gli approfondimenti investigativi effettuati dalla Compagnia di Biella hanno permesso di scoprire che il soggetto biellese verificato annotava nella propria contabilità costi fittizi per abbattere il proprio reddito, mediante utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, relative a sponsorizzazioni sportive apparentemente effettuate in occasioni di gare automobilistiche di fatto mai eseguite, emesse da una società cesenate ideatrice di una frode funzionale al trasferimento in territorio estero, prevalentemente nella Repubblica di San Marino, di disponibilità finanziarie sottratte all’imposizione tributaria.

La frode, infatti, veniva perpetrata attraverso l’emissione e/o utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, effettuate attraverso società predisposte allo scopo, operanti nel settore delle sponsorizzazioni delle gare automobilistiche mediante l’ausilio prevalente di una società di diritto sammarinese ed altre società nazionali, cc.dd. “missing traders”. Soggetti fittizi creati ad hoc per realizzare scambi commerciali esclusivamente cartolari, senza assolvimento degli obblighi fiscali di versamento delle imposte dirette e dell’IVA.

Inoltre, la verifica fiscale effettuata ha consentito, altresì, di rilevare violazioni amministrative connesse alla contabilizzazione di costi da ritenere indeducibili perché privi dei requisiti di certezza ed inerenza per un totale di 154.000 € e I.V.A. dovuta per circa 25.000 €.

L’imprenditore biellese è stato, quindi, deferito alla locale Procura della Repubblica per il reato di dichiarazione fraudolenta, previsto e punito dall’art. 2 del D.lgs n. 74/2000, perpetrato inserendo in contabilità le fatture relative alle sponsorizzazioni inesistenti.

Leggi anche...

spot_img