domenica 24 Gennaio 2021

CANAVESE – ANTI BOTTI: CANAVESE FANALINO DI CODA

CANAVESE – Tra le regioni italiane con il maggior numero di Ordinanze “anti botti per capodanno” risulta nei primi posti, seconda solo alla regione Lombardia, il Piemonte.

La richiesta da parte delle associazioni animaliste in primis e dei medici e le famiglie con soggetti a rischi cardiaci che, con gli scoppi di fine anno potrebbero avere problemi fisici, hanno sensibilizzato molto le Giunte Comunali, portandoli ad emettere le Ordinanze sul divieto di far scoppiare fuochi d’artificio, petardi, e qualsivoglia da oggi a dopo l’Epifania.

Purtroppo, in questo, la zona del Canavese fa un po’ da fanalino di coda, piazzandosi all’ultimo posto tra le aree del Piemonte come numero di Ordinanze eseguite. Il Canavese comprende ben 124 Comuni nel proprio territorio, ma soltanto 11 di questi hanno messo in atto il divieto. I comuni “anti botto” sono: Bairo Canavese, Brusasco, Chiaverano, Chivasso, Favria, Front Canavese, Rivarolo Canavese, Rivarossa, Salassa, Vico Canavese e Volpiano. Purtroppo gli altri 113 comuni non hanno eseguito nessun divieto ad esclusione del Comune di Cuorgnè che ha sensibilizzato la cittadinanza con una lettera aperta a limitare i botti di fine anno (vedi articolo: “Cuorgnè – il Sindaco Pezzetto inviata a limitare i botti di fine anno”).

Questa mancanza di sensibilizzazione da parte delle amministrazioni comunali porta a pensare quanto il problema dei botti di fine anno, sia un problema ancora preso alla leggera. Ogni anno in Italia, centinaia di persone finiscono al pronto soccorso per ustioni e amputazioni causati dai fuochi di artificio illegali, centinaia di cani e gatti muoiono per incidenti causati da disorientamento provocato dal rumore dei botti e decine di persone anziane e malate di cuore finiscono all’ospedale per spavento.

“Speriamo che con l’andare del tempo sempre più comuni si aggiungano alla lista, perchè non sono i botti che fanno capodanno ma la compagnia e la felicità di stare insieme nell’attendere l’anno nuovo (ndr).”

Leggi anche...