martedì 19 Gennaio 2021

NOTIZIARIO DAL MONDO – ORE 13,00 DEL 28/12/2014

NOTIZIARIO DAL MONDO – ORE 13,00 DEL 28/12/2014

IN FIAMME TRAGHETTO TRA GRECIA E ITALIA, 400 A BORDO

150 SULLE SCIALUPPE, IL MALTEMPO OSTACOLA I SOCCORSI

Un violento incendio è scoppiato su un traghetto della Norman Atlantic partito da Igoumenitsa e diretto ad Ancona, con più di 400 persone a bordo fra le quali anche famiglie con bambini. Le fiamme sono divampate dal garage ed hanno costretto il comandante ad ordinare l’abbandono della nave. Circa 150 persone sono riuscite ad trovare salvezza a bordo delle scialuppe di salvataggio, il resto si è rifugiato sui ponti più in alto, in quanto una serie di problemi ha impedito di calare le altre scialuppe. Immediati i soccorsi, sia dall’Italia sia dalla Grecia con navi ed elicotteri, ma le difficili condizioni del mare rendono difficili le operazioni. Drammatici i racconti dei naufraghi: ‘Le nostre scarpe avevano iniziato a fondersi’.

 

SCONTRO TRA MERCANTILI VICINO RAVENNA, FERITI E DISPERSI

UNA DELLE NAVI E’ AFFONDATA, UNA PERSONA RECUPERATA IN MARE

Due navi mercantili sarebbero entrate in collisione all’uscita del porto canale di Ravenna. Una delle due navi, un mercantile turco sarebbe affondato. Una persona è stata recuperata dai soccorritori già sul posto, ma ci sarebbero diversi feriti e alcuni dispersi. Sul molo si sono concentrate alcune ambulanze in attesa dell’arrivo dei naufraghi.

 

 

AEREO DI LINEA MALESE SPARISCE CON 162 PERSONE A BORDO

AIRBUS A320 AIRASIA ERA IN VOLO FRA INDONESIA E SINGAPORE

Un Airbus A320 della compagnia aerea low cost malese AirAsia è sparito con 162 persone a bordo (155 passeggeri, fra i quali nessun italiano, e 7 membri d’equipaggio) mentre era in volo in un tratto sopra l’oceano tra Borneo e Sumatra. I contatti fra la torre di controllo di Giacarta ed il velivolo, partito da Subaraya nell’isola di Giava e diretto a Singapore, si sono interrotti alle 7.55 locali (l’1.55 in Italia) dopo che il pilota aveva chiesto l’autorizzazione a deviare la rotta a causa del maltempo. Avviate le ricerche per localizzare l’aereo.

 

RENZI, IL PARLAMENTO SI PRONUNCI SU LICENZIABILITA’ STATALI

‘PER IL COLLE SERVE AMPIO CONSENSO, SUBITO LEGGE ELETTORALE’

‘Sarà il Parlamento a pronunciarsi’ sulla licenziabilità o meno degli statali, nell’ambito del Jobs Act. Lo afferma il premier Renzi che in un’intervista al QN difende il provvedimento sul lavoro che produrrà i primi effetti ‘già dal 2015’ ed ai sindacati dice: ‘Non mi lascio impressionare dalle minacce’. Parla poi della prossima corsa al Quirinale chiedendo ‘un nome in grado di unire’ e sulla possibile candidatura di Prodi avverte di ‘non gettare nomi importanti nel tritacarne’. Chiarisce poi che ‘non c’è nessuna manovra in vista’ e accelera sulla legge elettorale: ‘Si voti subito la riforme e non avremo problemi a inserire la clausola sui tempi di entrata in vigore’.

 

MALTEMPO: FRANA NEL SALERNITANO,CHIUSA STATALE AMALFITANA

NEL NAPOLETANO ALBERI E PALI ABBATTUTI PER IL FORTE VENTO

Non si placa l’ondata di maltempo che sta colpendo l’Italia, e che fa sentire i propri effetti anche al Sud. In Campania, la strada statale 163 Amalfitana è chiusa in entrambe le direzioni in località Praiano, in provincia di Salerno, a causa di una frana. E nel napoletano il forte vento ha causato nella notte l’abbattimento di alberi e pali e la caduta di tralicci e cavi elettrici. Stop ai collegamenti marittimi con Capri.

 

DIFENDE IL PADRE DURANTE UNA LITE, IN FIN DI VITA A NAPOLI

ACCOLTELLATO DA GIOVANE CHE AVEVA RISCHIATO INVESTIRE MAMMA

Un ragazzo di 26 anni è in fin di vita a Napoli dopo essere stato accoltellato per aver difeso il padre durante una lite. La vittima stava parcheggiando l’auto quando un motorino con una persona a bordo è transitato a tutta velocità rischiando di investire la mamma, nella zona dei Quartieri Spagnoli. Il padre del giovane ha iniziato a inveire contro il conducente del motorino che dopo qualche momento è tornato sul posto spalleggiato da altri tre amici e lo ha aggredito. Il figlio è intervenuto ed è stato colpito con una coltellata all’addome.

 

LA FORZA NATO DICE ADDIO ALL’AFGHANISTAN DOPO 13 ANNI

CERIMONIA BLINDATA, PROSEGUONO GLI ATTENTATI NEL PAESE

La forza Nato in Afghanistan (Isaf) darà l’addio al paese oggi nel corso di una cerimonia, dopo 13 anni di guerra e senza che la guerriglia talebana sia cessata. Dal 1 gennaio 2015 la missione ‘Resolute Support’ della Nato, per la formazione dell’esercito afghano, prenderà il posto della missione di combattimento Isaf, che ha perso 3.485 soldati dal 2001. I dettagli della cerimonia non sono stati resi noti per il rischio di attacchi, mentre proseguono gli attentati nel Paese: due feriti a Kabul per una bomba, tre morti e cinque feriti a Maidan Warda per un razzo su un campo di pallavolo durante una partita.

 

IL PAKISTAN RESPINGE APPELLI ONU E UE PER STOP A IMPICCAGIONI

PORTAVOCE GOVERNO, ‘NON VIOLIAMO ALCUNA LEGGE INTERNAZIONALE’

Il Pakistan ha respinto gli appelli dell’Onu e dell’Ue per un ripristino della moratoria sulle esecuzioni capitali ed uno stop alle impiccagioni riprese negli ultimi giorni nei confronti di condannati per terrorismo. ‘Il Pakistan rispetta la comunita’ internazionale – ha detto un portavoce governativo – ma il Paese attraversa circostanze straordinarie che richiedono l’adozione di misure straordinarie’ dopo il massacro di oltre 130 bambini nella Scuola pubblica militare di Peshawar.

 

(by ANSA).

Leggi anche...