lunedì 25 Gennaio 2021

RIVAROLO – Il M5s chiede di vietare i botti di Capodanno

RIVAROLO – Oltre che a Cuorgnè, anche a Rivarolo si pensa ad evitare i botti di Capodanno.

Mentre Cuorgnè il Sindaco ha invitato i cittadini a non farli esplodere, a Rivarolo, in chiusura dell’ultimo Consiglio Comunale a Rivarolo, il Sindaco Alberto Rostagno ha letto la lettera aperta ricevuta dal Consigliere di minoranza del Movimento 5Stelle, Alessandro Chiapetto.

“Ogni anno in occasione del Capodanno – vi era scritto – viene fatto un uso massiccio e sconsiderato di botti e fuochi artificiali di varia qualità.
Questi, oltre ad essere pericolosi per le persone, in particolar modo per i bambini che ogni anno sono vittime di botti insespolsi o di lesioni alle mani e ustioni, creano dei seri disturbi agli animali domestici, in alcuni casi portando addirittura alla morte di questi ultimi.

Diverse associazioni che operano in difesa degli animali evidenziano annualmente questa problematica nell’avvicinarsi al periodo della Fine dell’Anno.

Aderendo personalmente agli appelli di queste associazioni animaliste e credendo che il tema oggetto della presente sia da non sottovalutare, ma da affrontare, Le chiedo di impegnarsi nella maniera da Lei ritenuta più opportuna (per esempio un’ordinanza sindacale di divieto di utilizzo dei botti e dei fuochi d’artificio di Capodanno) nella direzione sopra tracciata, in tutela, quindi, degli animali domestici.

Vista la prossimità delle Festività del Santo Natale e del Capodanno, – concludeva – Le chiederei una risposta in tempi brevi, sperando che essa sia positiva, affinché l’Amministrazione Comunale possa intervenire con i dovuti atti e nei giusti tempi, organizzandosi soprattutto dal punto di vista della prevenzione, del controllo e della sicurezza.”

Il Sindaco Rostagno, dopo averla letta, ha espresso condivisione circa la richiesta avanzata da Chiapetto, e dichiarato che avrebbe emesso un’ordinanza per vietare botti e petardi la notte di Capodanno. Ordinanza che al momento non è ancora stata emessa.

 

Leggi anche...