domenica 24 Gennaio 2021

CUORGNÈ -Chiesa Salesiani torna alla compagnia del Santo Salesiano

CUORGNÈ – Con il Consiglio Comunale del 22 dicembre, l’amministrazione guidata da Beppe Pezzetto, continua nell’azione di “rimettere ordine” nelle cose e non solo i conti.

Un’altra parte dell’edificio dei Salesiani, esce dal patrimonio del Comune e ritorna nel patrimonio della Compagnia di San Callisto Caravario, nata appositamente per ricordare il Santo Cittadino, ma soprattutto per riportare lo spirito di don Bosco a Cuorgnè “Spirito di don Bosco che grazie alla presenza di don Faletti non si è mai spento” come spesso ricorda il Sindaco Pezzetto.

“Con la stipula di questo atto, che ha richiesto il tempo necessario affinché tutti gli adempimenti burocratici, in modo chiaro e trasparente fossero conclusi, possiamo dire che l’anima e lo spirito di don Bosco tornano a pieno titolo nell’Istituto Morgando” sottolineano gli Assessori Febbraro e Orso.

Oltre alla Chiesa che verrà ceduta a titolo gratuito ed ovviamente destinata alle funzioni religiose, la Compagnia per una somma pari a 50.000 € ha anche acquisito la sottostante area, un tempo adibita a palestra.

“Abbiamo rimesso a posto un altro tassello e posto le basi affinché la famiglia Salesiana possa tornare ad operare a pieno titolo non solo nella nostra Città ma nel nostro territorio –  commenta il Sindaco Beppe Pezzetto – mi auguravo che su questa strada si potesse quanto prima anche riportare nel giusto ambito anche la Chiesa dell’Immacolata Concezione (la Chiesa dei Salesiani) era impensabile che un Comune potesse gestire un immobile religioso, una Chiesa, e questo è avvenuto come avevamo promesso, ad ognuno la propria missione”

Ricordiamo che proprio l’acquisto da parte del Comune dell’immobile nel 2009 aveva portato l’Ente a sforare il patto di stabilità (accendendo un mutuo di circa 530.000 €) le cui conseguenze incidono ancora oggi sulle finanze cittadine, ma che grazie alle due operazioni di cessione dell’attuale amministrazione, sono state parzialmente annullate.

Leggi anche...