martedì 19 Gennaio 2021

CUNEO – FRANA SUL MONTE FARAUD, MORTA ESCURSIONISTA (AGGIORNATO)

CUNEO – Una giovane escursionista è morta dopo essere stata travolta da una valanga sul Monte Faraud, nel vallone di Bellino, in provincia di Cuneo.

Lo rende noto il soccorso alpino, che si sta occupando del recupero del cadavere con l’ausilio di un elicottero. Illesi i tre compagni che stavano camminando con lei in neve fresca.

L’incidente si è verificato a circa 2.800 metri di quota. La comitiva stava facendo scialpinismo.

L’allarme al soccorso alpino è stato dato dal rifugio di Pian Mezè. Sono stati i compagni della vittima ad estrarla dalla neve, ma la donna era priva di sensi e non ha più ripreso conoscenza.

AGGIORNAMENTO – È morta davanti agli occhi del padre Giulia Marchisio, la ragazza di 24 anni residente a Robilante, nel cuneese, travolta da una slavina in alta Valle Varaita, nelle valli del Monviso.

La giovane, insieme al padre e a un amico, stava salendo sul monte Faraut, nel Vallone di Bellino, sullo spartiacque tra la Valle Varaita e la Val Maira, quando una slavina si è staccata dal versante e ha travolto la comitiva.

I primi a prestare soccorso alla giovane, rimasta sepolta sotto la neve, sono stati proprio i compagni, tra cui il padre. Quando l’hanno raggiunta ed estratta dalla neve, le condizioni della escursionista era disperate.

L’allarme è stato lanciato pochi minuti dopo dal rifugio Melezè. Sul posto è sopraggiunto l’elisoccorso ma i medici del 118 non hanno potuto fare altro che constatare la morte della ragazza. La salma è stata recuperata e trasportata a Casteldefino.

Questa mattina sulle Alpi Cozie e sul massiccio del Monviso il tempo era stabile. L’Arpa Piemonte indicava con il livello 3 “marcato” (su una scala da 1 a 5) il pericolo di distacco neve in zona.

La salma, recuperata dal soccorso alpino, è stata trasportata in elicottero a Casteldelfino ed è ora a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Leggi anche...