CASTELLAMONTE – Minacciata e costretta a prostituirsi. È accaduto ad una cittadina moldava di 19 anni, domiciliata a Torino.

prostituizioneI Carabinieri della Stazione di Castellamonte, a seguito della denuncia presentata dalla ragazza, hanno a loro volta denunciato in stato di libertà per induzione alla prostituzione e altro, D.D. 42 anni, albanese, domiciliato Torino e una cittadina romena S.L., 21 anni.

I militari hanno appurato che nel giugno 2014 la denunciante, giunta in Italia a seguito della promessa di lavoro prospettatale dai denunciati e accolta al loro domicilio, è stata privata dei documenti, sequestrata in casa per due settimane, minacciata e costretta a prostituirsi in Torino e in Canavese.

I militari di Castellamonte, durante la perquisizione eseguita a casa dei denunciati, a Torino, hanno trovato e sequestrato documenti falsi e fotocopiati della ragazza moldava, ora ospitata in una struttura protetta.

1 COMMENTO

  1. In ambito di prostituzione tra soggetti maggiorenni, mi domando il motivo per il quale a cadere vittime della tratta di persone a sfondo sessuale debbano essere sempre le donne straniere, mentre quelle italiane ne debbano essere quasi esenti, sia in Italia, sia all’estero ed il motivo per il quale i marciapiedi del sesso a pagamento si svuotano durante le vacanze natalizie e pasquali. La risposta è quella che la schiavitù del sesso a pagamento non è molto diffusa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here