TORINO – Gli 816 lavoratori piemontesi della De Tomaso, a cui si aggiungono i 125 della sede di Collesalvetti in provincia di Livorno, verranno posti in mobilità.

Questo l’esito dell’incontro tra gli assessori alle Attività produttive, Giuseppina De Santisde-tomaso-fabbrica e al Lavoro, Gianna Pentenero, i sindacati e il curatore fallimentare della De Tomaso, Enrico Stasi, per fare il punto sulle sorti della casa automobilistica.

Stasi ha comunicato di non aver ricevuto ad oggi l’attesa offerta di acquisto del marchio da parte dall’unica società che finora ha mostrato reale manifestazione d’interesse (anche se non è escluso che quest’ultima la possa presentare nelle prossime settimane).

A questo punto la procedura fallimentare non si potrà concludere entro la fine del 2014. A fine anno,

quindi, i lavoratori saranno posti in mobilità.

L’incontro si è concluso con un verbale di riunione, firmato dal presidente della Regione, Sergio Chiamparino, dai due assessori regionali presenti, dall’assessore al lavoro del Comune di Grugliasco, Annamaria Centrò, e dalle organizzazioni sindacali, in cui le istituzioni si impegnano alla tutela dei lavoratori in questa fase delicata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here