EUROPA – APPROVAZIONE CON RISERVA PER ITALIA DA UE, RIESAME A MARZO. JUNCKER: NON SANZIONO, ASCOLTO; PADOAN, RICONOSCIUTO SFORZO

La Commissione europea rileva il “rischio di non conformità” con il Patto di stabilità per JUNCKER (450 x 282)i conti pubblici italiani, ma rinvia ogni giudizio definitivo (come quelli su Francia e Belgio) a inizio marzo 2015, dopo “l’approvazione delle leggi di bilancio e delle previste specifiche dei programmi di riforme strutturali”. Il presidente Juncker assicura: ‘Ho fatto la scelta di non sanzionare. Sarebbe stato facile punire i Paesi che non rispettano le regole del Patto, ma ho scelto di lasciarli parlare. E di ascoltare’. Juncker però chiarisce che ‘la nostra sarà una analisi approfondita e per nulla compiacente. Per alcuni Paesi saranno necessari sforzi supplementari’. Padoan, l’Ue riconoscerà meccanismo virtuoso dell’ Italia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here