LIBIA – GENTILONI, ‘PRONTI A PEACEKEEPING MA SOTTO EGIDA ONU’. CASINI,’CORNICE CHIARA,SENZA PRESIDIO NON SI BLOCCA CARRETTE’

Intervistato da Repubblica sulla Libia, il ministro degli Esteri Gentiloni spiega che un Gentiloni (450 x 249)eventuale intervento di peacekeeping vedrebbe l’Italia impegnata in prima fila, a patto che fosse rigorosamente sotto l’egida Onu. Secondo Gentiloni andrebbe comunque preceduto da un percorso negoziale per nuove elezioni. Sul tema interviene anche il presidente della Commissione Esteri al Senato Casini, che a Uno Mattina ribadisce la necessità di una chiara cornice Onu, osservando peraltro che senza presidio in Libia non si possono bloccare le carrette del mare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here