sabato 19 Giugno 2021
sabato, Giugno 19, 2021
spot_img

25/10/14 ACQUI TERME – Andrea Pozza UK connection TRIO

EVENTI ACQUI TERME – Andrea Pozza UK connection TRIO in anteprima tour, Sabato 25 ottobre 2014 ore 21.00 ( Ingresso libero) con Impronte Jazz Acqui Terme, al Centro Congressi (Piazzale degli Alpini, zona Bagni, 1km dal centro)

UK Connection Trio è la nuova formazione internazionale voluta e ideata dal pianista jazz Andrea Pozza con due tra i più importatanti e quotati musicisti della scena jazzistica inglese ed americana, Andy Cleyndert al contrabbasso e Mark Taylor alla batteria. I tre musicisti collaborano assieme in Inghilterra da oltre 4 anni e si sono esibiti nei più importanti club londinesi – dal Ronnie Scott’s, al “606”, al Bull’ s Head e molti altri ancora. Per la prima volta hanno deciso di varcare la Manica per portare il loro progetto anche in Italia con un vero e proprio tour che farà tappa in diverse città italiane e sarà di scena in alcuni tra i più importanti jazz club della penisola.

Un anteprima del tour si svolgerà sabato 25 ottobre al Impronte Jazz di Acqui Terme (Centro Congressi Piazzale degli Alpini, zona Bagni, 1km dal centro – Ingresso libero – Info: UfficioTurismo  0144.770274, ore 21.00) e vedrà sul palco Andrea Pozza al pianoforte, Andy Cleyndert al contrabbasso e Mark Taylor alla batteria. Il repertorio comprende sia composizioni originali di Andrea Pozza scritte appositamente per il UK Connection Trio ispirato dalle caratteristiche stilistiche dei suoi due partner, al sound d’oltremanica e nord europeo, sia brani tratti dai più diversi repertori, dalla musica classica al pop, dalla bossa nova all’immenso song book degli standard jazz.

L’anteprima del tour proseguirà domenica 26 ottobre 2014 con l’ottimo contrabbassista genovese Aldo Zunino che prenderà il posto di Andy Cleyndert per il concerto a Il Castello di Certaldo, in provincia di Firenze, (Hotel e Ristorante, Via della Rena 6 ore 21.30 – Ingresso €12 comprensivo di drink di benvenuto, Info: 0571/668250 Web: www.albergoilcastello.it) e per quello del giorno successivo, lunedì 27 ottobre 2014 per il 50° Anniversario del Louisiana Jazz Club di Genova – Teatro della Tosse (Piazza Renato Negri, 6/2, ore 20.30 – Ingresso libero).

L’Andrea Pozza UK Connection Trio Italian Tour 2014 riprenderà martedì 25 novembre 2014 dalle Cantine dell’Arena di Verona per proseguire mercoledì 26 al Panic Jazz Club di Marostica (VI), giovedì 27 nel Palazzo Attems Petzenstein a Gorizia, venerdì 28 all’Archivio di Stato di Asti, sabato 29 al Borgoclub di Genova, domenica 30 Novembre al Blue Note di Milano, giovedì 4 dicembre al Teatro Tenda di Modena, venerdì 5 e sabato 6 dicembre al Gregory’s Jazz Club di Roma con la partecipazione del sassofonista Paolo Recchia che si unirà all’Andrea Pozza UK Connection Trio anche per la data di chiusura del tour di domenica 7 dicembre presso il Teatro Goldoni di Corinaldo ad Ancona.

Andrea Pozza ha una solida carriera nazionale ed internazionale che lo ha visto protagonista in Estremo Oriente, in America ed in Europa. Pianista genovese è attualmente riconosciuto dalla critica e dal pubblico come una delle personalità più rappresentative in ambito jazz attualmente in circolazione. Musicista eclettico capace di affrontare con grande disinvoltura qualsiasi repertorio, è sia leader carismatico sia partner ideale per grandi artisti che trovano in lui empatia e innato interplay. Andrea Pozza ha debuttato a soli 13 anni e da allora si è esibito al fianco di alcuni “mostri sacri” della storia del jazz: Harry “Sweet” Edison, Bobby Durham, Chet Baker, Al Grey, George Coleman, Charlie Mariano, Lee Konitz, Sal Nistico, Massimo Urbani, e molti altri ancora. Intensa la sua attività concertistica che lo porta costantemente in tour in Italia e in Europa, dalla Gran Bretagna alla Svizzera, dalla Germania al Portogallo, alla guida delle formazioni a suo nome. Pozza collabora stabilmente, tra gli altri, con Enrico Rava, Fabrizio Bosso, Scott Hamilton, Steve Grossman, Tullio DePiscopo, Luciano Milanese, Dado Moroni, Ferenc Nemeth, Bob Sheppard, Antony Pinciotti, Furio Di Castri e tanti altri. Andrea Pozza è inoltre protagonista di numerosi progetti discografici a suo nome. Gli album più recenti sono “I could write a book” (2013, Foné Jazz, super audio cd e in Vinile 180gr) in duo con Scott Hamilton, sassofonista americano, di una straordinaria eleganza, noto per il suo impeccabile fraseggio e innata dolcezza; e “A Jellyfish From The Bosphorus” (ABEAT REC, 2013). Del 2011 è invece il suo esordio discografico con l’Andrea Pozza European Quintet, intitolato “Gull’s Flight” (ABEAT REC, 2011).

Andrew Cleyndert. Appassionato di musica da sempre, dopo aver suonato diversi strumenti, si avvicina in giovane età al jazz e allo studio del contrabbasso e grazie alle sue impressionanti doti artistiche calca molto presto le scene musicali jazzistiche inglesi. Il suo precoce talento lo porta immediatamente alla ribalta delle più quotate formazioni inglesi e non solo, molti infatti i “mostri sacri” americani che lo ingaggiano per le proprie tournée, tra questi Art Farmer, Teddy Edwards, Red Rodney etc. Andrew Cleyndert ha fatto parte del Ronnie Scott Sextet che gli ha dato l’opportunità di accompagnare artisti internazionali del calibro di George Coleman e James Moody, in una lunga tournée mondiale con Ronnie Scott. Negli anni ’90, Cleyndert entra in società con Stan Tracey, “Il Padrino del Jazz Britannico” con il quale fonda l’etichetta discografica Trio Records e con la quale pubblica una quarantina di album, che vede protagonisti, per la maggior parte noti musicisti tra cui Gene Harris, Junior Mance, Benny Green etc. Intensa la sua attività live che lo porta tuttora ad esibirsi in festival in tutto il mondo.

La lista di artisti con la quale Mark Taylor ha lavorato nel corso della sua carriera riunisce le personalità più in vista del panorama jazz di tutti i tempi e copre un ampio range di stili che vanno dal Dixieland al Mainstream, al Be-Bop e molto altro. Mark Taylor ha suonato in oltre settantacinque album uno dei quali gli è valso nel 2001 la nomination al Grammy: si tratta dell’album edito da Blue Note Records con il leggendario pianista, cantante e compositore Mose Allison intitolato “The Mose Chronicles” Volume 1.  Intensa la sua attività concertistica che lo ha portato a suonare in tutta America da Nord a Sud, in Europa, in Medio Oriente e in Asia con i più importanti artisti jazz a livello mondiale. Mark Taylor ha inoltre fatto parte del Trio e del Quartetto di Monty Alexander dal 1999 al 2004. Dal 1982 è membro del trio di Lew Tabackin, sassofonista tenore e flautista ed è membro del Toshiko Akiyoshi Trio dal 2003.

 

 

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img