venerdì 25 Giugno 2021
venerdì, Giugno 25, 2021
spot_img

CHIVASSO – Precisazioni dell’Asl To4 sull’ebola

CHIVASSO – L’Asl To4 ha voluto fornire, tramite un comunicato stampa, alcune precisazioni relative alla capacità di affrontare eventuali casi di ebola.

“Innanzitutto si sottolinea che l’Azienda, fin dal momento dell’insorgenza del problema, – comunica – ha provveduto a contestualizzare nella realtà aziendale ospedaliera e territoriale tutte le indicazioni ministeriali e regionali in merito, attraverso un gruppo di lavoro di esperti dedicato.

Anche se il nostro territorio è a basso rischio, allo stato attuale, tutti i Pronto Soccorso e Punti di Primo Intervento degli Ospedali aziendali (Chivasso, Ciriè, Cuorgnè, Ivrea, Lanzo) sono stati dotati di presidi di alta protezione degli operatori (tuta, completa di copricapo e sovrascarpe, idrorepellente e con cuciture termosaldate, maschera completa del viso dotata di filtro ad alta protezione, guanti), previsti dalle indicazioni ministeriali e regionali per fronteggiare un eventuale caso sospetto di malattia da virus Ebola.

In tutti i Presidi ospedalieri dell’Azienda sono stati individuati i percorsi e le aree di isolamento per la gestione temporanea di una persona con sospetto di malattia, in attesa del suo trasferimento in un centro di competenza regionale (nel caso specifico l’Ospedale Amedeo di Savoia di Torino).

Nel contempo, si stanno effettuando i corsi di formazione specifici per il personale dell’area di emergenza-urgenza di ogni Ospedale dell’Azienda.

Per quanto riguarda, poi, il territorio aziendale, tutti i medici di famiglia, i pediatri di libera scelta e le guardie mediche sono stati informati dall’Azienda sulle procedure da adottare in presenza di un eventuale caso sospetto.

Pertanto, si può affermare che i Presidi ospedalieri dell’ASL TO4 siano oggi in grado di affrontare adeguatamente l’eventuale situazione di crisi infettiva specifica, così come le altre situazioni (certamente al momento più usuali) di accesso di paziente con malattia infettiva contagiosa e diffusiva.”

 

spot_img
spot_img
spot_img