[label style=”important”]Ascolta l’articolo[/label][audiotube id=”HgDLmG3PH9c” tiny=”yes”]

Guarda il servizio

PONT CANAVESE – Incontro con i cittadini, sabato sera, organizzato dal Gruppo Movimento 5 Stelle, nella sala consiliare di Pont Canavese.

Obiettivo della serata permettere ai Cittadini della Valle Orco di approfondire la conoscenza della  forza politica del Movimento, interrogare gli eletti in merito alle tematiche che più interessano la popolazione locale, e presentare il neo nato Gruppo di Pont Canavese.Pont-Movimeno-5Stelle

Presenti alla serata gli eletti del Movimento, nei vari enti, che si sono presentati uno alla volta, illustrando il ruolo ricoperto.

Alberto Airola, Capo Gruppo al Senato, ha rimarcato la necessità di impegnarsi tutti insieme per cambiare le cose, «dopo anni di accettazione passiva, – ha detto Airola – ora che le maschere di questa finta contrapposizione dei partiti politici sono cadute.»

«La Regione Piemonte verte in un grave stato di indebitamento – ha affermato Giorgio Bertola, Capo Gruppo alla Regione Piemonte – Il debito è cresciuto costantemente affiancato dall’aumento del disavanzo. La Regione ha ventilato alcune soluzioni non strutturali come la vendita del patrimonio immobiliare, la dismissione delle partecipate della Regione, e un possibile aumento dell’Irpef.» Bertola ha sottolineato “la marcia indietro” di Chiamparino il quale prima ha dichiarato che non l’avrebbe aumentato, per poi dire che avrebbero cercato di non incidere sulle fasce più deboli. Il Movimento 5 stelle sta studiando un modo per tagliare gli sprechi, partendo da due proposte di legge, la prima cancella i vitalizi con effetto retroattivo, quindi quelli maturati che si stanno ancora pagando, restituendo a rate le trattenute versate. Quindi eliminare l’indennità di carica ai consiglieri e lasciare i rimborsi pari a 4500euro netti al mese. «Queste misure – ha sottolineato Bertola – non risolveranno i problemi della Regione, ma restituiranno la dignità alla Politica.»

Federico Valetti, Consigliere regionale alla Commissione Trasporti, ha affermato che stanno cercando di incalzare il governo regionale proponendo tagli mirati che vanno a colpire le inefficienze. Valetti ha poi sottolineato come sia assurdo che, in questo momento di tagli, si pianifichino delle opere insensate a costi spropositati, come il tunnel sotto al Po. «Esiste un accordo neanche tanto segreto con le grandi ditte autostradali – ha spiegato il Consigliere Regionale – per realizzare il tunnel in project financing: le ditte private diverrebbero concessionarie e incasserebbero un pedaggio di 5euro. Ma che senso ha un pedaggio del genere per attraversare Torino, considerando la crisi e la conseguente diminuzione dell’utilizzo della macchina?»

Marco Marocco neo eletto Consigliere della Città Metropolitana, già Consigliere al Comune di Chivasso, ha rimarcato l’importanza della partecipazione dei cittadini e degli amministratori, alla Città Metropolitana. «Siamo voluti entrare in città metropolitana, per cercare di ripristinare la democrazia. Che senso avrebbe avuto se tutti i consiglieri fossero stati di un solo partito? Ci impegneremo per fare in modo che i cittadini e gli amministratori possano essere partecipi. Stanno cercando di isolare i cittadini».

Chiara Appendino, Consigliere Comunale Città di Torino ha affermato quanto sia importante il ruolo dell’Opposizione, quale deterrente e monito per la maggioranza. «Per fare un esempio – ha raccontato – avevamo scoperto una funzionaria fiduciaria, assunta quindi su nomina e tramite concorso, la quale spezzava le commesse in modo da poter affidare gli appalti senza gare. Abbiamo denunciato la cosa, dicendola in aula e raccontandola a tutti i media. Risultato: la funzionaria è stata cacciata, e ora fanno le gare d’appalto. Hanno paura – ha concluso Appendino – perché noi siamo lì con il fiato sul loro collo a controllare tutto. Ho potuto fare questo, perché non sono da sola, ma c’è il gruppo che mi sostiene.»

La restituzione dei diritti, l’integrazione, la tutela delle donne e la lotta contro l’omofobia, sono gli argomenti che ha trattato Carlotta Trevisan, Vicepresidente Consiglio Comunale di Rivoli, mentre Alessandro Chiapetto, Consigliere Comunale di Rivarolo Canavese, ha rimarcato l’importanza della partecipazione e del lavoro di gruppo, spiegando i motivi per cui è stata organizzata la serata: promuovere il neo gruppo di Pont Canavese. A “guidarlo” sarà Eva Sussetizza Angelovich. «Speriamo che la gente capisca – ha detto Sussetizza Angelovich – che è arrivato il momento di mettersi in gioco e fare qualcosa.»

GUARDA IL SERVIZIO CON GLI INTERVENTI

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here