sabato 12 Giugno 2021
sabato, Giugno 12, 2021
spot_img

CANAVESE – M5S e la Città Metropolitana (CON VIDEO)

Guarda il servizio

CANAVESE – Il Movimento 5Stelle ha pubblicamente incontrato, ieri sera nella sala musica di Favria, gli Amministratori dei vari Comuni del territorio.

Argomento della serata le elezioni per la Città Metropolitana.

Il Movimento 5Stelle si è sempre opposto agli enti intermedi tra Comuni e Regioni, eletti in modo indiretto. Nonostante ciò il Movimento ha deciso di prendere parte alle elezioni, perchè «se proprio deve esistere la Città Metropolitana almeno il territorio e i cittadini siano rappresentati e possano dire la loro.» Ed ora è pronto a raccogliere le firme dai Consiglieri eletti con altre forze politiche e liste civiche, disposti a sostenere la lista del Movimento.

«Chi ci può dire che i debiti di Torino – afferma Marco Marocco, Capolista e Consigliere di Chivasso – non divengano anche i debiti dei Comuni Canavesani? Riteniamo che la Città Metropolitana, così come la Provincia, sia un ente inutile. Ed è sicuramente peggiore. In pratica resta la tecnostruttura della Provincia, ma la politica verrà ridotta diminuendo il numero dei consiglieri. È stato detto che i territori verranno rappresentati dalle segreterie di partito: impossibile.

Noi vogliamo dare la possibilità ai Comuni di dire “quella cosa non la vogliamo”, oppure “un attimo, riflettiamoci” e non che debbano ritrovarsi con decisioni assunte senza consultarli a discapito del loro territorio. Per questo abbiamo invitato tutti gli amministratori, per parlarne, andando oltre i colori politici.»

È obiettivo del Movimento aprire l’istituzione ai cittadini e garantire loro e ai Comuni la democrazia attivandosi nella fase di elaborazione dello Statuto affinchè il Consiglio e il Sindaco vengano eletti direttamente dai cittadini, ed inserendo una forma di democrazia attiva e partecipata.

«Abbiamo presentato già un programma – conclude Marocco – e, avendolo fatto soltanto noi, siamo stati presi in giro. Riteniamo però che sia fondamentale avere delle linee guida a cui attenersi.»

Le linee guida principali sono quelle inserite nel programma Nazionale del Movimento, enunciandole brevemente sono la garanzia dell’acqua pubblica; opposizione agli inceneritori; opposizione alle grandi opere inutili nell’ambito dei trasporti, e realizzazione di un Piano Metropolitano per la mobilità sostenibile; la pianificazione territoriale bloccando il consumo del territorio a favore della riconversione del patrimonio edilizio esistente; lo sviluppo economico e del lavoro; la salvaguardia dell’ambiente e della fauna; l’edilizia scolastica; il mantenimento del Difensore Civico Provinciale e l’innovazione.

Guarda il servizio con l’intervista al Capolista Marco Marocco

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img