martedì 18 Maggio 2021
martedì, Maggio 18, 2021
spot_img

IVREA – Campagna “Miseria ladra” (CON VIDEO)

[label style=”important”]Ascolta l’articolo[/label][audiotube id=”D7ZBYeL7npE” tiny=”yes”]

Guarda il servizio

IVREA – La povertà ruba la speranza ed i diritti, frammenta la coesione sociale, svuota la partecipazione alla vita delle istituzioni, rafforza mafie, corruzione e posizioni dominanti e indebolisce la democrazia.

Per queste ragioni è stata promossa da Gruppo Abele e Libera la campagna “Miseria Ladra”, per contrastare la povertà e rimettere al centro del dibattito pubblico e politico la necessità di rilanciare il welfare, le politiche sociali e di integrazione e gli investimenti pubblici.

La campagna porta avanti 10 proposte per contrastare la povertà e l’esclusione sociale sia su situazioni emergenziali che vanno affrontate nell’immediato, sia sulle cause strutturali che determinano l’aumento della povertà e della crisi.”

In quest’ambito, il Coordinamento di Libera Ivrea e Canavese ha organizzato un incontro con i rappresentanti di Istituzioni ed Associazioni locali che si è svolto giovedì scorso, 18 settembre.

Le dieci proposte portate avanti dalla campagna, sono:

1 – Ricostruire subito ed aumentare il fondo sociale e il fondo per la non autosufficienza;

2 – Una moratoria sui crediti di Equitalia e del Sistema Bancario;

3 – Subito i pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni nei confronti di chi fornisce servizi, beni e prestazioni;

4 – Agricoltura sociale, risanamento del dissesto idrogeologico, riconversione ecologica dell’apparato produttivo e della filiera energetica, integrazione dei migranti. A bilancio complessivo invariato attraverso la revisione dei progetti di alcune grandi opere inutili, e i tagli alle spese militari;

5 – Sospendere gli sfratti esecutivi;

6 – Destinare velocemente il patrimonio immobiliare sfitto nelle città e quello confiscato alle attività criminali per i più bisognosi e ad uso sociale;

7 – Riconoscere la residenza presso i municipi a tutti coloro che sono senza dimora e temporaneamente in difficoltà così ad accedere ai servizi sociali e sanitari;

8 – Reddito minimo di cittadinanza per sostenere il lavoro;

9 – Riportare in ambito pubblico i servizi basici essenziale difesa dei beni comuni;

10 – Rinegoziazione del debito pubblico.

 Guarda il servizio con l’intervista a Giuseppe De Marzo (Gruppo Abele – Libera)

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img