TORINO – Un’infermiera di 42 anni, iniettava insulina al figlio di quattro anni, in dosi non letali ma per continuare a farlo stare continuamente male.

insulinaLa donna è stata smascherata dai Carabinieri, che insospettiti dal fatto che il piccolo a ogni visita della madre peggiorasse le sue condizioni, hanno installato delle telecamere nascoste, e colta sul fatto dopo aver somministrato l’ennesima dose al bambino, è stata arrestata e portata in carcere in regime di isolamento per tentato omicidio. Tra le ipotesi al vaglio degli investigatori per il folle gesto, una patologia psichiatrica: la “ sindrome di Munchausen”, che induce a provocare lo stato di sofferenza nel proprio bambino allo scopo di farlo sentire più vicino al genitore. Ancora da valutare completamente, invece, i danni al bambino, ricoverato all’ospedale pediatrico Regina Margherita di Torino che potrebbero essere anche permanenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here