RIVAROLO CANAVESE – Una situazione di disagio per i commercianti dell’area ex Vallesusa, (LEGGI QUI) ma anche una faccenda intricata per l’Amministrazione Rostagno.

ex-Vallesusa-0Intricata perché l’area dell’ex Vallesusa non ha un solo proprietario. Le metrature maggiori sono di Inghirami, Tagal, Locat e Sipea.

«Quanto prima – afferma il vice Sindaco Edoardo Gaetano – rimetteremo in piedi il piano urbanistico e ragioneremo su ciò che si potrà fare.»

ex-Vallesusa-6Inghirami è proprietaria (per essere chiari) dell’ex cotonificio e della parte che si affaccia su corso Indipendenza. La Società vorrebbe realizzare un ennesimo ipermercato, inserito in un piano particolareggiato mai partito. Se da un lato ciò comporterebbe la riqualificazione dell’area (almeno di quella parte), dall’altra andrebbe a colpire un mercato già saturo, essendo che l’area si affaccia quasi su quelle dove sono situati il Gigante e la Pam.

Il piazzale in fondo (quello che sbuca su via Montenero), dove sostavano i giostrai in questi giorni (in accordo con la proprietà), è della Tagal (azienda di Milano), così come il piazzale di fronte alla sala comunale (non asfaltato per opere di urbanizzazione che non sono mai state avviate). La parte in fondo dove c’è la centrale è di Sipea, infine, mentre l’area Fieristica e il teatro sono di Locat, il salone polivalente è del comune. Come si dice “tante teste e tante idee”,

ex-Vallesusa-7«Capiamo perfettamente i commercianti dell’area – prosegue Gaetano – e non possiamo far altro che dar loro ragione. Cercheremo di organizzare un incontro con le varie proprietà per capire cosa si può fare. È compito di un’amministrazione comunale cercare di fare tutto il possibile per risolvere i problemi di una zona che, secondo me, è di fondamentale importanza per la città, sia per la sua centralità, sia perché è sempre stata un risorsa nel passato e ritengo che possa esserlo anche in futuro. Ridiscuteremo il piano urbanistico e lo avvieremo; inoltre dobbiamo impegnarci per rifare il Piano Regolatore, ormai vecchio di vent’anni. Nel corso degli anni sono state fatte numerose varianti, e, a prescindere dal contenuto di esse, è necessario mettere mano direttamente al Pr e rifarlo. Piano piano cercheremo di mettere a posto tutto – conclude Gaetano – ma purtroppo la cosa non è così immediata, anche se capisco perfettamente la difficoltà che incontrano i commercianti nel dover aspettare. Venerdì scorso ho avuto un incontro con Teknoservice e gli ho chiesto di curare maggiormente alcune zone della città, quali ad esempio l’ex Vallesusa, tenuta finora in poca considerazione.»

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here