FOTO D'ARCHIVIO

RIETI – Durante un addestramento con un elicottero AS 350 del servizio antincendio Lazio, due uomini (pilota e passeggiero) sono morti a seguito dello schianto, mentre il copilota è grave al Policlinico Gemelli di Roma.

elisoccorsoDa una prima ricostruzione, compiuta dai Carabinieri, sembrerebbe che il velivolo, a seguito di avaria del rotore principale, viaggiasse a bassissima quota sopra il Lago del Salto, nel reatino, urtando un cavo d’acciaio dello skilift che trasporta le persone in mezzo al lago per fare wakeboard. “Per fortuna non c’era nessuno in acqua a fare wakeboard e sul pontile eravamo in pochi, altrimenti ci sarebbero state conseguenze ancora più gravi – racconta l’imprenditore aquilano Giuseppe Ioannucci – l’elicottero volava praticamente a pelo d’acqua, è passato a 30 metri da noi, sfiorando il pontile e il box di plastica dove c’è il trampolino e urtando poi il cable system, lo skilift che trasporta le persone in mezzo al lago del salto per fare wakeboard. Quando abbiamo visto l’elicottero dirigersi verso di noi, che eravamo sul pontile, a velocità sostenuta abbiamo avuto paura e siamo scappati”. La Procura di Rieti e l’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo hanno aperto due inchieste, al momento a carico di ignoti, e parallelamente anche l’Enav ne avvierà una per verificare quanto accaduto. Sul posto due ambulanze del 118 di Rieti, un’auto medica e due elicotteri dell’Ares giunti da Roma. Al lavoro per i primi soccorsi anche i vigili del fuoco, la forestale e la Protezione civile regionale.

Cordoglio ai familiari delle vittime è stato espresso dal capo della Protezione civile Franco Gabrielli che ha rinnovato “la stima e l’apprezzamento per il ruolo e lo spirito di abnegazione che caratterizza ogni giorno il lavoro degli uomini e delle donne dell’intero sistema nazionale di protezione civile”. Il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina ha espresso il proprio dolore per l’accaduto e ha ringraziato “il Corpo forestale dello Stato per essersi immediatamente recato sul posto per i primi interventi necessari coordinati dalla Protezione Civile”. Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti parla di “una tragedia che ci addolora profondamente e sulle cui dinamiche sono certo verrà fatta al più presto piena chiarezza”.

Il pilota aveva 60 anni ed era originario di Pavia, mentre il passeggero era un reatino di 67 anni. Il ferito, ricoverato in gravi condizioni al policlinico Gemelli di Roma, è il copilota, 37 anni, originario di Verbania, in Piemonte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here