TORINO – Questa notte, a seguito di un incidente stradale,alla periferia sud di Torino, una donna di 56 anni, ha perso la vita.

Polizia-Municipale-TorinoI responsabili dello schianto, dopo l’incidente, sono scappati e hanno abbandonato il veicolo una Lancia K (che al momento non risulta rubata) sul luogo dell’impatto. La vittima viaggiava su una Dr5 con il marito, rimasto illeso, e con il padre, ferito in modo lieve e trasportato in ospedale. Sull’accaduto indaga la polizia municipale, che sta cercando testimoni.

AGGIORNAMENTO (ore 15:00) – E’ caccia ai pirati della strada che, la scorsa notte a Torino, sono fuggiti dopo aver provocato un incidente in cui è morta una donna di 56 anni. La polizia municipale sta cercando due uomini, fuggiti a piedi dopo aver abbandonato l’auto con cui hanno causato lo scontro mortale. Secondo una prima ricostruzione, si sarebbero immessi in una rotonda a tutta velocità, in via Artom. L’inchiesta è coordinata dal pm Fabiola D’Errico.

2° AGGIORNAMENTO (ore 17:00) – La procura di Torino ha indagato, con l’accusa di favoreggiamento, il proprietario della Lancia K che ha provocato l’incidente in cui la scorsa notte è morta una donna. Si tratta di un torinese di 36 anni che, secondo l’accusa, starebbe coprendo i due uomini che si trovavano sull’auto al momento dello scontro e che sono fuggiti a piedi dopo aver abbandonato l’auto. La vittima dell’incidente è Rosa Venitucci, 56 anni, residente a Rivalta. Ieri sera aveva cenato a Torino dal cognato e, col marito, stava accompagnando a casa il padre quando il suv Dr5 su cui viaggiava è stato travolto dalla Lancia K(da un comunicato di un nostro lettore si ri-rettifica posizione incidente: era in periferia sud, ci scusiamo con i lettori). I soccorsi, per la donna, sono stati inutili: è morta sul colpo.

3 COMMENTI

  1. Bhè ditelo anche al TG5 che ieri ha fatto un servizio con l’inviato che si trovava proprio nella rotonda dell’incidente tra via Artom e Strada Castello di Mirafiori, direi periferia sud e anche le foto dell’incidente con la macchina ribaltata sono state fatte in quella rotonda…e poi nel caso di incidente non so se si possa parlare di “investitori”. Serve un terzo aggiornamento.

    • Una cosa era scritta nella prima stesura, l’altra nell’aggiornamento. Non abbiamo solo specificato che si trattava di una rettifica dovuta ad una maggiore conoscenza dei fatti. Ora abbiamo corretto aggiungendo il dettaglio. Grazie per la segnalazione.
      La Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here