[label style=”important”]Ascolta l’articolo[/label][audiotube id=”_c9fXQMo2Fk” tiny=”yes”]

TORINO – È stato preso uno degli “esecutori” del pusher gabonese ucciso lo scorso maggio.

polizia-autoSi tratta dell’albanese Paolo Avdul, 21 anni, che si nascondeva nell’abitazione di alcuni parenti a Martinsicuro, in provincia di Teramo.

Moussa Seck, 24 anni, pusher gabonese, era stato ucciso nella notte tra il 17 e il 18 maggio, con un colpo di pistola al torace.

Secondo quanto emerso dalle indagini, Avdul era fuggito il giorno dopo il delitto. Dopo averlo individuato, e seguito per alcuni giorni, è stato fermato dalla Polizia, che ha fatto irruzione nell’appartamento.

Quello eseguito in provincia di Teramo è il quarto arresto per l’omicidio del gabonese, che venne ripreso dalle telecamere di sicurezza della zona. Le forze dell’ordine stanno ancora dando la caccia ad altre tre persone, sospettate di far parte del commando che organizzò una sorta di spedizione punitiva contro la vittima. Il pusher gabonese si è trovato in mezzo a una disputa tra gli autori dell’agguato mortale e un gruppo di spacciatori centrafricani, accusati di avere infastidito alcune prostitute della zona.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here