[label style=”important”]Ascolta l’articolo[/label][audiotube id=”zpkSwvHMelI” tiny=”yes”]

TORINO  – La Digos ha arrestato a Torino un attivista di estrema destra.  E’ accusato di possesso illecito di materiale esplosivo e fabbricazione di congegni micidiali.

bomba cartaIn casa aveva tutto il necessario per fabbricare bombe carta. L’inchiesta che ha portato all’arresto del ventunenne è partita dagli atti vandalici compiuti nel mese di giugno presso l’abitazione del consigliere comunale e regionale di Fratelli d’Italia Maurizio Marrone. Per quell’episodio ci sono altri quattro indagati.  Marrone era rimasto vittima dell’assalto di una ventina di persone col volto coperto da caschi, nel corso del quale furono tracciate scritte sulla sua casa e fu vandalizzata al sua auto. Il blitz dopo che l’esponente politico si era recato in ospedale a trovare un giovane antagonista accoltellato da un gruppo di militanti di estrema destra in metropolitana. Le indagini, condotte dalla Digos, hanno portato a identificare alcuni dei partecipanti al raid. Tra questi non ci sarebbe il giovane arrestato perché fabbricava bombe carta in casa. In particolare, aveva già predisposto e assemblato alcuni cilindri in cartone pressato uniti tra loro con nastro isolante e foderati all’interno con fogli d’alluminio. In casa il giovane aveva anche composti chimici che, adeguatamente combinati, producono polvere da sparo e sessanta biglie in acciaio, utili ad aumentare la capacità distruttiva delle bombe carta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here