venerdì 23 Febbraio 2024

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

Leinì: Due anni per calunnia ad una maestra

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
- Advertisement -

[label style=”important”]Ascolta l’articolo[/label][audiotube id=”fDML3z11FW4″ tiny=”yes”]

LEINI’ – Era stato picchiato da due clienti a Leinì, nel dicembre 2012 e non riusciva a darsi una spiegazione.

Solo in seguito, il tassista torinese, Massimo Calì, 42 anni, venne a sapere che il mandante dell’aggressione era una maestra elementare che si era inventata uno stupro e, additando l’autista come colpevole, lo aveva fatto picchiare dal fidanzato e dal fratello.

Oggi, in tribunale, la donna è stata condannata a due anni di carcere per calunnia, mentre al tassista, parte civile con l’avvocato Michele Polleri, è stato riconosciuto il diritto a un risarcimento e un acconto di novemila euro.

La maestra aveva anche presentato contro il tassista una denuncia per violenza sessuale, ma la sua storia, accuratamente controllata dal pm Livia Locci e dalla Polizia, era risultata essere il frutto di un’invenzione. Dopo dieci mesi, alla fine, lo ammise lei stessa, giustificandosi con l’angoscia causatale da una situazione sentimentale complicata.

© Riproduzione riservata

Per restare sempre informato, iscriviti ai nostri canali gratuiti: la newsletter di WhatsApp per le notizie di Cronaca (per iscriverti invia un WhatsApp con scritto NEWS ON al 342.8644960); iscriviti al nostro canale Telegram (ObiettivoNews); oppure, da oggi, puoi anche iscriverti al nostro nuovo canale WhatsApp (https://whatsapp.com/channel/0029Va9vIQO30LKS6x1jWN14con le notizie selezionate dalla nostra redazione.

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------

Ultim'ora

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img