lunedì 8 Agosto 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

Lanzo: L’Hospice è sede di corsi

[label style=”important”]Ascolta l’articolo[/label][audiotube id=”jJyWWrFNLLI” tiny=”yes”]

LANZO – L’Hospice di Lanzo, diretto dalla dottoressa Silvana Sabbaa e primo hospice nato in Piemonte, è diventato, per quanto riguarda le cure palliative, fra le prime sedi di tirocinio professionalizzante per gli studenti del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, nell’ambito di una specifica convenzione fra la Scuola di Medicina dell’Università di Torino e l’ASL TO4.

Le cure palliative sono cure attive e totali delle persone la cui malattia di base, in rapida evoluzione, non risponda più a trattamenti specifici. Cure che non agiscono sulla causa della malattia, ma sui sintomi, come per esempio il dolore, per prevenirli e contenerli il più possibile, e che prevedono un supporto di tipo psicologico e sociale rivolto sia alla persona malata sia al nucleo familiare. E l’hospice è il luogo dedicato alle cure palliative quando non sia possibile prestare le stesse cure al domicilio della persona, per difficoltà familiari o per particolari situazioni cliniche. Ma l’hospice non è un luogo anonimo, è una casa speciale, dove gli operatori lavorano per assicurare la miglior qualità di vita possibile della persona e dove i familiari ricevono accoglienza, sollievo, aiuto per la sofferenza emozionale e spirituale, anche nel periodo difficile del lutto.

Il 28 maggio scorso il primo gruppo di studenti del quarto anno ha potuto confrontarsi con gli operatori dell’Hospice e con la pratica assistenziale specifica per i malati in fase avanzata di malattia, un ambito assistenziale di crescente importanza per la formazione dei futuri medici.

Il progetto, coordinato dal professor Paolo Leombruni dell’Università di Torino e dai dottori Silvana Sabbaa e Giorgio Visca dell’Hospice di Lanzo, intende fornire ai futuri medici in formazione la possibilità di accostarsi al delicato compito dell’accompagnamento delle persone in fase avanzata di malattia e delle loro famiglie e di prepararsi alla loro complessa gestione clinica, psicologica e sociale.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img