giovedì 2 Dicembre 2021
spot_img
spot_img
spot_img

“Foreverland”: la speranza oltre la Fibrosi Cistica

[label style=”important”]Ascolta l’articolo[/label][audiotube id=”xZJKH3abCL4″ tiny=”yes”]

CUORGNÈ – “Foreverland” parla dei sogni e del coraggio di perseguirli.

Racconta l’amore per la vita, per una donna, le delusioni, le risate e i grandi miracoli che la vita ha in serbo per chi ha la disponibilità di ascoltarla. Racconta l’esperienza di chi soffre di una grave malattia: la fibrosi cistica.

La volontà è di dare un messaggio universale di speranza. La Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica Onlus, nata a Verona 17 anni fa, per volontà del professor Gianni Mastella e degli imprenditori Matteo Marzotto e Vittoriano Faganelli, ha promosso sull’intero territorio nazionale la tournée di “Foreverland”, l’opera prima del giovane e talentuoso regista affetto da fibrosi cistica Maxwell McGuire, che a trent’anni ha realizzato il suo più grande sogno: girare un film capace di raccontare il dramma di chi soffre di questa malattia genetica e il dono straordinario che è la vita, impressa in fotogrammi di grande impatto. Il road movie, premiato al Palm Springs International Film Festival (California), sarà proiettato in oltre 30 sale italiane con l’obiettivo di diffondere la conoscenza di questa malattia, diffusa ma poco nota, che solo nel nostro Paese conta oltre due milioni e mezzo di portatori sani, spesso inconsapevoli di esserlo.

A Cuorgnè approderà domani, mercoledì 21 maggio alle 21,30, presso il Cinema Margherita. Offerta minima 10euro. Il ricavato verrà interamente devoluto alla Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica.

La proiezione si inserisce a corollario di una più ampia azione charity orientata alla vitale opera di raccolta fondi a favore della Ricerca scientifica promossa dalla Onlus. L’evento è abbinato al progetto di ricerca numero 3/2013, coordinato da Mauro Mazzei, del Dipartimento di Farmacia dell’Università di Genova: studio biennale del costo di 100mila euro che punta alla ricerca di correttori per la mutazione delta-F508, la più diffusa tra i malati di FC.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img