giovedì 2 Dicembre 2021
spot_img
spot_img
spot_img

Pont Canavese: XXV Aprile ricordando Alfredo Gea

PONT CANAVESE – XXV Aprile a Pont Canavese. Il Sindaco ricorda Alfredo Gea, capogruppo Alpini.

«Il primo XXV Aprile senza Alfredo Gea, capogruppo alpini prematuramente scomparso a febbraio». Così il Sindaco Paolo Coppo, nel celebrare l’anniversario della Liberazione dell’oppressione nazi-fascista, promossa dall‘A.N.P.I. in collaborazione con il Comune, ha voluto suggellare il ricordo dell’uomo che, per circa 25 anni, è stato il protagonista assoluto della vita associativa pontese, in particolare alla guida del gruppo alpini. Accanto al primo cittadino Guido Roberto neo capogruppo pro tempore, altri rappresentanti della forza militare più amata dagli italiani e gli esponenti di tutte le associazioni pontesi con vessilli, stendardi e gagliardetti.

Il XXV Aprile 1946 con decreto legislativo luogotenenziale ,ma solo per quell’anno, veniva dichiarato festa nazionale, a celebrazione della totale liberazione del territorio italiano, per poi essere ufficialmente istituita, con legge ordinaria, nel 1949.

«L’Italia è libera , e risorgerà. E così è stato.» Ha concluso il primo cittadino, evocando il suggestivo titolo di un giornale dell’epoca.

«Pace, Costituzione e lavoro sono i valori fondanti dell’A.N.P.I», ha sottolineato Bruno Barettini, per l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, che poi ha espresso il suo rammarico per l’assenza dei bambini della scuola, esortando alunni e studenti a leggere la Carta Costituzionale, percorso imprescindibile per dare contenuto ad una cittadinanza cosciente, responsabile e solidale.

Il corteo dei partecipanti, dopo il ritrovo in piazza XXV Aprile, ha partecipato alla Santa Messa, celebrata dal pievano Don Aldo Vallero, per poi ricomporsi al termine della funzione, e recarsi, come ultima tappa nella centrale piazza Craveri, sede del monumento ai Caduti per la Libertà.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img