Guarda il servizio

CASTELLAMONTE (FRAZ.PREPARETTO) – Prima assemblea pubblica per il comitato “La Voce dei Monti Pelati”, recentemente registrato, nato spontaneamente da un gruppo di cittadini.

Logo-comitato-Voce-dei-Monti-PelatiScopo del Comitato è di accertare ed eliminare ogni pericolo per la salute pubblica che potrebbe essere causato dalla discarica di Vespia.

«Per monitorare la situazione – affermano i componenti del direttivo – è fondamentale ottenere analisi. Le analisi dell’acqua di cui abbiamo avuto accesso hanno rivelato quantità anomale di vari elementi, tra cui l’azoto ammoniacale, in misura proibitive anche per l’irrigazione dei campi. Anche il manganese nel terreno è presente a livelli davvero inquietanti. Altra cosa preoccupante ma di cui non si è eseguita neanche un accertamento, è la diffusione del biogas per i prossimi trent’anni. Alla luce del grave rischio ambientale, della mancata manutenzione, che si perpetra sin dal fallimento di asa, e considerata la scomparsa del capitale che fu raccolto da asa e comune per la bonifica del sito discarica di Vespia nonchè preso atto dell’iniziativa di Agrigarden di ampliare il sito, il Comitato si propone di raccogliere analisi certificate sue proprie per controllare l’effettiva riuscita della bonifica cosi come lo stato di inquinamento e successivamente bloccare l’ampliamento della stessa, appurato che per noi il mezzo discarica per la gestione dei rifiuti è pratica obsoleta e dannosa.»

«Abbiamo contattato vari esperti (geologi e chimici), – aggiunge Flavia Casassa, Presidente del Comitato – e siamo riusciti a contattare uno dei geologi della zona che ha lavorato fino ad un certo periodo passato ha fatto un preventivo degli esami.»

Comitato-Voce-dei-Monti-PelatiQuesta mattina, venerdì 21 marzo alle 10, si terrà la conferenza dei servizi per l’ampliamento della discarica. «O meglio – prosegue Casassa – per l’opera di bonifica che permetterà di effettuare l’ampliamento stesso, analizzando il piano di caratterizzazione di Agrigarden in rapporto con i dettami di Arpa, saremmo intenzionati a partecipare in qualità di uditori per poi informare il comitato riguardo alla discussione. La società che aveva competenza sulla discarica di Vespia e di Rivarolo, – conclude – è in procinto di sciogliersi con un progetto della regione per ridisegnare il sistema di smaltimento rifiuti della zona. in occasione della conferenza ci sarà un ragguaglio anche in questo senso. »

Durante l’assemblea è stato presentato il logo che contraddistingue il Comitato.

Guarda il servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here