RIVAROLO CANAVESE – Riceviamo dal Comitato Non Bruciamoci il Futuro una lettera aperta che pubblichiamo, integralmente.

“Egregio Martino Zucco Chinà,

abbiamo avuto modo di leggere una recente intervista sul giornale “La Voce” di lunedì 10 febbraio, ripresa poi da “ il Canavese” di mercoledì 12 febbraio, in cui Lei afferma … “la Centrale non è di competenza comunale: quando siamo entrati abbiamo solo formalizzato un iter, che abbiamo condiviso, già partito nella Amministrazione precedente.” Pur con tutto il rispetto dovuto alla sua coraggiosa candidatura a Sindaco della Città di Rivarolo, ci premettiamo di contestarle quanto segue:

Non-Bruciamoci-il-Futuro– Quando afferma che la Centrale non è di competenza comunale, non può dimenticare il ruolo cui Lei si è candidato: il Sindaco è l’autorità sanitaria locale chiamata ad esercitare poteri-doveri di controllo, anche preventivo, a tutela dell’ambiente e della salute pubblica.

– Non può dimenticare che La società Sipea srl ha presentato il progetto della Centrale a biomasse in data 07/10/2005 alla Provincia (protocollo n. 419075) e all’Amministrazione comunale cui Lei faceva parte e insediata dal settembre 2004 a seguito del noto ricorso al Tar ed al Consiglio di Stato.

– Non può dimentica che un Assessore, delle Giunta cui lei faceva parte, in data 16/11/20006 ha partecipato alla Conferenza dei Servizi ed a nome del Comune di Rivarolo ha espresso parere favorevole alla Centrale.

Chiarito doverosamente quanto sopra e considerato il suo importante ruolo nella passata Amministrazione (Bertot), siamo a proporle un incontro che potrebbe arricchire la reciproca conoscenze su di una vicenda che presenta aspetti che ancora non è dato sapere.

In attesa di un riscontro, porgiamo cordiali saluti.

Il Consiglio Direttivo del Comitato “non bruciamoci il futuro”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.