CRONACA – BIELLA: E’ una truffa da più di due milioni di euro quella scoperta dalla Guardia di Finanza di Biella che ha denunciato nove persone, tra cui un avvocato e un commercialista campani.

Erano le menti dell’inganno, scoperto quando i due professionisti si sono presentati in una banca di Biella per riscattare un libretto al portatore con un saldo di 750 mila euro. I funzionari della banca, insospettiti, hanno presentato un esposto in procura che ha fatto scattare gli accertamenti.

E’ stato così possibile scoprire che i due professionisti, attraverso sette prestanome, tutti indagati , erano riusciti a incassare notevoli somme di denaro giacenti su libretti di deposito al portatore. Il metodo era ormai collaudato: i prestanome presentavano false denunce di smarrimento del libretto e ne chiedevano poi la duplicazione. In alcuni casi, per riscattare la somma, sono stati presentati anche falsi testamenti olografi. I colpi in diverse città italiane. L’accusa nei confronti delle persone denunciate è di associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata ai danni dello Stato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here