IVREA – La Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea ha presentato un aggiornamento sugli ultimi progetti realizzati.

imma-bimbi-concorso-manifestoMostra permanente “Lo Storico Carnevale di Ivrea dalle origini ai giorni nostri”

Verrà inaugurata sabato 8 febbraio alle 16.30 “Lo Storico Carnevale di Ivrea dalle origini ai giorni nostri”, la mostra che sarà arredo permanente dei portici di piazza Ottinetti.

Attraverso 20 banner appesi alle traverse in ferro dei portici ed un flyer di approfondimento a disposizione presso l’Ufficio del Turismo, la mostra narra per suggestioni e immagini la storia del Carnevale. Realizzata nell’ambito del progetto Ivrea Carnevale 365 e con il sostegno della Fondazione Guelpa, in accordo con l’Amministrazione Comunale, la mostra vuole essere un benvenuto e un’introduzione al Carnevale per ospiti e turisti in visita ad Ivrea in ogni periodo dell’anno.

“Sbaglierebbe chi cercasse nella mostra un resoconto storiografico dettagliato del Carnevale – sottolinea il Presidente Alberto Alma – l’allestimento non è nemmeno strutturalmente adeguato a questo scopo. Pur nella rigorosità delle informazioni, l’intento è piuttosto quello di incuriosire e stimolare all’approfondimento chi del Carnevale conosce poco, o solo quanto appreso dai media, con un utilizzo prevalente di materiale fotografico ed una resa coreografica gentile, piacevole e non invasiva. Il progetto, proposto e realizzato dalla Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea, è il primo passo concreto verso la realizzazione di un “Museo diffuso” che vedrà, nei prossimi anni, coinvolti numerosi attori (associazioni, Enti e luoghi del territorio) in un’ottica inclusiva, per raccontare tutti i temi che ci rappresentano, ma che non possono esseri contenuti all’interno del Museo Civico.”

 

Nuovi prodotti per la linea merchandising

Gli ultimi tre articoli prima dell’Edizione 2014 che si aggiungono agli oltre venti prodotti della linea base sono:

La spilla pich e pala

La spilla pich e pala rappresenta i simboli più antichi dello Storico Carnevale di Ivrea. Il piccone e la pala rievocano la cerimonia medioevale del piantamento dello Scarlo, Il berretto frigio la lotta per la libertà popolare. Storicamente la spada con l’arancia infilzata simboleggia gli Abbà delle Parrocchie cittadine e secondo la leggenda la testa mozzata del tiranno.

È tradizione per gli eporediesi indossare la spilla pich e pala durante tutto il periodo carnevalesco.

La spilla è stata realizzata dalla Gioielleria Rolfo di Via Palestro.

 

Unaborsa, anticamente!

Unaborsa non ha bisogno di presentazioni: è resistente, capiente e comoda. Ha una robusta tracolla e dei manici ricavati dal tessuto delle cinture di sicurezza, inoltre il materiale con cui è confezionata è studiato per resistere alle intemperie e ai colpi delle arance!

E’ assemblata a mano e le sue eventuali imperfezioni, dovute alla natura artigianale del prodotto, la rendono unica.

“La capsule collection dedicata al Carnevale di Ivrea – commenta Andrea Mazzola – è un chiaro omaggio a Violetta, al suo coraggio e alla sua bellezza, siamo sicuri diventerà un oggetto cult per ogni appassionato di tradizione eporediese.”

 

Un lungo viaggio – Libro per bambini

“Quante sono le arance? Da dove arrivano? Chi le produce? Se non le usassimo per la battaglia, sarebbero buone da mangiare, o no? Fino a qualche anno fa, credevo che qualcuno ce le regalasse. Poi, papà e mamma mi hanno spiegato che vengono comprate. Fanno un viaggio lunghissimo, lo sapevate? Arrivano dal Sud della nostra Penisola…”

Nella seconda puntata della sua storia Giulio, il protagonista di “Tira Mugnaia!”, torna a raccontarci il “suo” Carnevale e concentra tutta la sua attenzione sulle arance, uno dei simboli del Carnevale che più colpiscono l’immaginario dei più piccoli, e interrogano il giudizio dei più grandi.

E pagina dopo pagina, nel nuovo libro Un lungo viaggio, le domande di Giulio trovano una risposta, in un testo simpatico e divertente che spiega l’intera filiera delle arance, le “munizioni”, nelle parole di Giulio, del Carnevale di Ivrea. Alla base del racconto c’è l’esperienza e la testimonianza di alcuni rappresentanti dell’Associazione Scacchi Aranceri, che nei mesi scorsi hanno compiuto il “lungo viaggio” in Calabria per verificare le risposte alle domande che tutti prima o dopo si sono posti sull’origine delle arance del Carnevale.

Il libro nasce da un’idea di Barbara Bellardi dopo aver ascoltato con attenzione ed interesse il racconto ed è stato scritto a due mani con Vincenzo Lerro su autorizzazione dell’Associazione Scacchi Aranceri, illustrato magistralmente da Chiara Gobbo e pubblicato dalla casa editrice Lineadaria di Biella. L’impaginazione e la grafica sono state curate da Stefano Biava, grafico editoriale e organizzatore di eventi conosciuto e apprezzato a Ivrea e nel Canavese.

 

La linea completa del merchandising è disponibile presso i seguenti punti vendita istituzionali:

▪ Ufficio del Turismo in piazza Ottinetti

▪ Lo Shop dello Storico Carnevale di Ivrea nelle seguenti giornate:

sabato 8 e 15 febbraio ore 16-18.30 in via Palestro presso uffici AEG

domenica 16 febbraio ore 10-18 in piazza Ottinetti

sabato 22 febbraio ore 16-18.30 in via Palestro presso uffici AEG

domenica 23 febbraio ore 10-18 in piazza Ottinetti

giovedì 27 febbraio ore 14-18 in via Palestro presso uffici AEG

sabato 1 marzo ore 15.30-18.30 in via Palestro presso uffici AEG

dal 2 al 4 marzo ore 10-18 presso il Villaggio Arancio in piazza Freguglia

“Il merchandising con il marchio registrato “Pich e Pala” sostiene lo Storico Carnevale di Ivrea. – Ricorda Alma – Gli oggetti del merchandising ufficiale dello Storico Carnevale di Ivrea sono prodotti di qualità realizzati con creatività e cura artigianale il cui prezzo comprende una quota che va a sostegno diretto della manifestazione. Anche per questo acquistare un oggetto ufficiale è una scelta che può esprime in concreto partecipazione e passione per il Carnevale!”.

 

Progetto Bambini al Centro – Concorso per la realizzazione del manifesto della Festa dei Bambini

La quinta edizione del Concorso per la realizzazione del manifesto della Festa dei Bambini, sul tema dei Pifferi e Tamburi, è stata vinta dalla classe IIA della Scuola Primaria Fiorana di Ivrea. Il concorso, rivolto alle scuole dell’Infanzia e Primarie di Ivrea, viene organizzato dalla Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea e dall’Associazione J’Amis ad Piassa dla Granaja, con il patrocinio della Città di Ivrea – Assessorato ai Sistemi Educativi.

“Abbiamo ricevuto in tutto 19 elaborati – comunica Barbara Bellardi – e la giuria, composta da un rappresentante degli Amis ad Piassa dla Granaja, Pier Luigi Marta, dalla dottoressa Elsa Rei Rosa e dalla sottoscritta, ha individuato nell’elaborato della classe IIA della Scuola Primaria Fiorana di Ivrea il disegno che maggiormente si presta a diventare il Manifesto ufficiale della Festa dei Bambini. Il premio consiste in un voucher di 1.000euro. Sono state inoltre assegnate inoltre due menzioni, una alla classe IVB della Primaria C. Nigra ed una alla sezione A della Scuola dell’Infanzia San Michele.”

I premi saranno consegnati Giovedì Grasso alle15.30 in piazza Ottinetti durante la Festa dei Bambini.

Tutti gli elaborati saranno esposti nella mostra Pifferi e Tamburi un racconto senza fine. Passi e suoni del nostro Carnevale. allestita in Sala Santa Marta (ingresso libero).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here