CRONACA – CUNEO: Botte e minacce a un immobiliarista saluzzese per farsi consegnare 250 mila euro. Ma quando erano sicuri di averlo “ammorbidito” e convinto a portali con sé in Svizzera, per prelevare il denaro, sono stati bloccati a arrestati dai carabinieri. In carcere sono finiti un imprenditore edile di Manta e i due titolari di un’azienda di sistemi di sicurezza, di Saluzzo e Cardè.

Dalle indagini fin qui svolte dai carabinieri sarebbero già emersi riscontri al racconto fatto dall’immobiliarista: a casa di uno dei tre arrestati è stata trovata la mazza da baseball con la quale avrebbero picchiato l’uomo. Molto diversa la versione dei fatti fornita dai tre accusati agli inquirenti.

È emerso anche che l’immobiliarista da tempo non saldava un debito di alcune migliaia di euro, contratto con l’imprenditore edile.