CRONACA – Nuovo tentativo di truffa ai danni di ignari contribuenti. È stata segnalata un’e-mail apparentemente proveniente dall’Agenzia delle Entrate dall’oggetto “Notifica di rimborsi fiscali”.

agenzia-entrateIl messaggio invita il contribuente a “cliccare” su un collegamento che rinvia ad una pagina del tutto simile al sito istituzionale dell’Agenzia delle Entrate, in cui viene richiesto all’ignaro utente di inserire i dati della propria carta di credito, compreso il codice di sicurezza CVV.

L’Agenzia delle Entrate è totalmente estranea all’invio di questi messaggi. Questo messaggio di posta, infatti, non è altro che l’ennesimo tentativo di phishing, una truffa informatica architettata per entrare illecitamente in possesso di informazioni riservate.

La procedura seguita dall’Agenzia delle Entrate per erogare i rimborsi non prevede mai il ricorso ad avvisi telefonici o via e-mail, ma solo alla posta tradizionale. I rimborsi fiscali spettanti al contribuente possono essere riscossi, a seconda dei casi, presso un ufficio postale, con vaglia della Banca d’Italia o con accredito su conto corrente. Anche in quest’ultimo caso, i contribuenti comunicano le proprie coordinate bancarie all’Agenzia delle Entrate direttamente in ufficio oppure attraverso la piattaforma telematica “Fiscoonline” alla quale si accede esclusivamente autenticandosi attraverso il codice PIN rilasciato dalla stessa Agenzia.

La Direzione regionale del Piemonte invita a non rispondere a questi messaggi fraudolenti, anzi a segnalarli prontamente alle autorità per individuarne i responsabili.