SANITA’ –  Il Pass (Progetto Andrologico di Screening per Studenti) è un’iniziativa di prevenzione delle patologie della sfera sessuale maschile rivolta agli studenti degli ultimi due anni delle scuole superiori.

medical doctorPartito tre anni nell’Asl di Alessandria , con il supporto del dottor Flavio Boraso, Direttore Generale dell’Asl To4 dal maggio 2012 e allora Direttore Sanitario degli Ospedali di Novi Ligure e Tortona e Coordinatore della rete dei presidi ospedalieri dell’Azienda , il Pass è stato avviato nell’Asl lo scorso anno scolastico.

Nell’anno scolastico 2012-2013, appunto, il Progetto è stato realizzato negli Istituti di Chivasso, Cuorgnè, Rivarolo e Castellamonte, a cura delle strutture di Urologia di Chivasso e di Ivrea, dirette dal dottor Scipio Annoscia.

La prima edizione del Pass dell’Asl To4 ha ricevuto un generoso contributo da parte dei Rotary Club di Cuorgnè-Canavese e di Chivasso e del Distretto Rotariano 2031 e il patrocinio scientifico dell’Associazione Urologi Italiani (Auro.it),  Società scientifica nazionale in ambito urologico.

L’attività si è articolata in una fase informativo-divulgativa, rivolta agli studenti di entrambi i sessi, e in una più prettamente clinica, basata su visite andrologiche gratuite a tutti gli studenti maschi che ne avessero fatto richiesta, ha riguardato 1.566 studenti (di cui 723 maschi). Sono stati sottoposti a visita 160 ragazzi (22,1%); in 57 di questi (35,6%) si sono riscontrate patologie andrologiche: 38 varicocele, 12 fimosi, 5 frenulo breve, 3 ipermobilità testicolare, 2 incurvamento congentito del pene, 1 ipotrofia testicolare.

La prevenzione andrologica effettuata nella fascia d’età 18-20 anni dovrebbe servire proprio a scoprire patologie potenzialmente preoccupanti per il mantenimento della fertilità in un momento in cui sono correggibili in modo facile e con grandi prospettive di successo, cosa che non può dirsi in età più avanzate. Un altro ambito è la diagnosi precoce dei tumori del testicolo, i tumori più frequenti nel maschio tra i 18 e i 38 anni.

La percentuale di adesione degli studenti maschi alle visite preventive è risultata inferiore alle aspettative delle équipe urologiche impegnate nel progetto (e a esperienze simili praticate in altre sedi). Non si deve tuttavia dimenticare che si trattava della prima edizione nell’Asl To4 e si confida che nei prossimi anni il Pass possa diventare una costante dei nostri territori e ottenga sempre più partecipazione da parte degli studenti e delle loro famiglie. In effetti, uno degli scopi dell’iniziativa è proprio quello di attirare l’attenzione su questo particolare ambito della salute dei giovani maschi che, da quando è stata abolita la visita di leva, è rimasto un po’ “terra di nessuno”.

Nella prospettiva di una progressiva diffusione a tutti i Distretti dell’Asl To4, nell’anno scolastico 2013-2014 il Pass interessa le scuole superiori di Ciriè e Valli di Lanzo, grazie all’impegno della struttura di Urologia di Ciriè, sempre diretta dal dottor Annoscia. Il Rotary Club omonimo ha già assicurato il proprio generoso supporto all’iniziativa, confermando anche per questa zona una partnership che ci onora e che rappresenta una lodevole tradizione che riguarda tutte le sedi in cui il progetto è stato o è realizzato in Piemonte e in Liguria. L’Associazione Urologi Italiani (Auro.it) ha confermato il patrocinio scientifico anche per questa edizione. La popolazione scolastica alla quale si rivolge il Pass in questa fase è costituita da 1.032 studenti, di cui 462 maschi. Nel dicembre scorso sono iniziati gli incontri informativo-divulgativi, presso il Liceo Galilei e l’Istituto Fermi di Ciriè. Nei mesi di gennaio e febbraio gli incontri proseguiranno presso gli Istituti Albert di Lanzo e D’Oria di Ciriè.