TORINO – Aumentano le possibilità di accedere al fondo “salvasfratti” istituito lo scorso novembre dal Comune di Torino, con il sostegno economico di Compagnia di San Paolo, Fondazione Crt e Consorzio Intercomunale Torinese.

casa-sfratti-La Giunta comunale, su proposta del vicesindaco Elide Tisi, ha infatti approvato alla vigilia di Natale una delibera che modifica i requisiti per beneficiare del finanziamento destinato a quelle famiglie torinesi colpite da procedura di sfratto e che attraversano un periodo di forti difficoltà economiche.

Alla luce delle novità introdotte dall’esecutivo di Palazzo Civico, possono ora farne richiesta le famiglie con un reddito Isee inferiore ai 15mila euro, anche se nel proprio nucleo non è presente un soggetto considerato debole sotto l’aspetto sociale (ultrasessantacinquenne, minore o con invalidità superiore al 67%).