Clikka sull'immagine per ingrandire

FAVRIA – Il gruppo Vivere Favria ha posizionato un gazebo in piazza Martiri e per tutta la mattina ha informato i cittadini.

Clikka sull'immagine per ingrandire
Clikka sull’immagine per ingrandire e leggere
Clikka sull'immagine per ingrandire
Clikka sull’immagine per ingrandire e leggere

“Con la delibera n.35 del 1 agosto 2013 con soli 5 voti della maggioranza sono stati modificati articoli fondamentali dello Statuto che garantivano in maniera chiara e semplice la libertà dei singoli cittadini ad essere informati e di partecipare attivamente vivere-favria-4alla vita amministrativa del comune. Cosa intende questa amministrazione quando parla di partecipazione popolare?”

Inizia così il volantino che questa mattina il gruppo Vivere Favria ha distribuito al gazebo posizionato in piazza Martiri. Un foglio A4 stampato su due facciate contenente tutto ciò che vivere-favria-5jpgl‘Amministrazione Ferrino ha fatto, suddiviso in punti: la mensa più cara, l’Imu più alta, più tasse per tutti, casa di riposo venduta, 67mila euro di spese legali, scuolabus eliminato, costo dei cartelli pubblicitari e degli studi di fattibilità delle promesse elettorali.

«Il nostro intento è quello di informare i cittadini che vivere-favria-3magari non ne sono a conoscenza, su quanto ha fatto l’Amministrazione Ferrino – spiega Lucia Valente, capogruppo di minoranza – inoltre, abbiamo messo sul volantino anche quello che abbiamo fatto noi come gruppo di opposizione.»

«Considerando che i Consigli Comunali, senza farne una colpa, sono sempre alle 18 – aggiunge il Consigliere di opposizione Vittorio Bellone – e quindi l’affluenza è poca, abbiamo pensato di compiere questo gesto, oltre che per informare, per interagire con i cittadini e capire se ci sono ancora questioni da sollevare. Questo è un momento di confronto del nostro gruppo che continua ad essere unito nell’impegno e partecipe. Ci sono cose che possiamo risolvere ed altre no, ma nel nostro piccolo vogliamo far capire alla popolazione che ci siamo e che ci stiamo impegnando per risolvere ciò che è possibile.»