PIEMONTE – Il Tavolo interministeriale di verifica dei  sul tema Sanità, ha approvato, con alcune clausole che saranno recepite con provvedimenti in via di definizione, i programmi operativi del Piano di rientro e di riqualificazione della spesa sanitaria 2013-2015, presentati dalla Regione ed oggetto in questi mesi di un dettagliato esame e di un costante confronto tra l’amministrazione regionale e i Ministeri della Salute e dell’Economia.

mediciL’impianto complessivo è stato approvato con un positivo apprezzamento per i livelli essenziali di assistenza (LEA), giudicati in ulteriore miglioramento rispetto al recente passato. Per la parte economica, in base ai dati forniti dalla Regione, al 30 settembre 2013 la riduzione dei costi del sistema nel suo complesso era di 122 milioni di euro, in coerenza con la previsione di 150 milioni annui che era stata indicata nelle precedenti riunioni del Tavolo. Si stanno consolidando gli effetti dei provvedimenti adottati per il contenimento della spesa, in applicazione della normativa statale, ad iniziare dalla spending review.

Si apre ora una fase transitoria finalizzata all’uscita del Piemonte dal Piano di rientro, che richiede un ulteriore forte impegno dell’amministrazione regionale e delle direzioni generali delle aziende sanitarie.

Nei prossimi mesi, infatti, il Tavolo proseguirà il monitoraggio per verificare il conseguimento effettivo degli ulteriori obiettivi che sono stati indicati per il 2014 ed il 2015, nell’ottica dell’efficienza e del mantenimento dei servizi erogati ai cittadini.

Il Tavolo interministeriale, infine, ha espresso apprezzamento per il supporto tecnico fornito da Agenas alla Regione.