CASTELLAMONTE – Prosegue il “botta e risposta” tra il Sindaco Paolo Mascheroni e i Consiglieri di opposizione Giuliana Reano, sulla discarica di Vespia. Dopo il comunicato inviato da Reano e Mazza, ne riceviamo un altro dal Sindaco Mascheroni, che riportiamo qui integralmente come abbiamo fatto per il precedente.

Paolo Mascheroni
Paolo Mascheroni

“Il Sindaco prende atto dai giornali che la minoranza consiliare, nelle persone di Pasquale Mazza e Giuliana Reano, ha inoltrato agli Organi di Stampa un comunicato nel quale indica nella mia persona colui che avrebbe affermato che le competenze sulle problematiche della discarica di Vespia sarebbero da imputare alla Provincia di Torino ed in particolare dell’assessore all’ambiente dottor Roberto Ronco.

Ritengo, per l’ennesima volta che la minoranza abbia perso l’opportunità di far fronte comune su una problematica, che persiste sul nostro territorio e avrebbe potuto unirsi nel nostro operato, per cercare di identificare l’Ente o il soggetto titolato a scongiurare quanto emerso dai vari sopralluoghi effettuati dall’ARPA che comprovano le nostre preoccupazioni.

Prendo atto della nota pervenuta dalla Prefettura di Torino in data odierna, a seguito della nostra richiesta e ritengo che l’identificazione fatta nella Provincia ed in particolare nell’Assessore all’Ambiente possa garantire le più ampie garanzie per trovare le soluzioni che servono per scongiurare quanto illustrato, ritenendo il dottor Ronco un amministratore valido, nel quale riconosco nella sua persona le competenze e l’impegno profuso nonché i risultati ottenuti.

Riprendendo il comunicato stampa voglio rimarcare che il mio operato e quello dei miei collaboratori sulle problematiche di Vespia non sia mai mancato, se mai mi fa pensare, visto quanto scritto che forse la minoranza si sia “ svegliata solo oggi” su un problema che persiste ormai da parecchi anni e tengo a precisare che la Provincia in accordo con il Comune di Castellamonte si era già trovata a dover trattare una parte di problemi in merito alle fuoriuscite di percolato dalla vasca di accumulo nel mese di agosto 2012, come riportato ampiamente dagli organi di stampa, evidentemente la minoranza in quel periodo era in vacanza.”

Il Sindaco Paolo Mascheroni