Reportage Fotografico

VALPERGA – Si è svolta lo scorso venerdì, presso il Cinema Ambra di Valperga, l’annuale cerimonia di consegna delle borse di studio “Cav.Pietro Cinotto”agli studenti del C.i.a.c. di Valperga.

C.i.a.c.«Il tasso di disoccupazione è del 44,4% – ha affermato Fabrizio Gea, Presidente Confindustria Canavese – per contro, però, le aziende faticano ogni anno a trovare personale. Dobbiamo cercare di avvicinare le persone al mondo dell’impresa. La Confindustria sta lavorando su cinque punti precisi: sviluppare iniziative per attrarre i giovani e orientarli; diffondere la cultura manageriale delle piccole imprese; rafforzare la formazione; creare un tavolo tecnico permanente tra scuola e imprese e puntare sulla formazione attraverso un tutor. Queste borse di studio sono in ricordo di un grande imprenditore a cui ispirarsi. Potete scegliere a chi ispirarvi – ha aggiunto rivolgendosi ai ragazzi – se sentite la volontà di raggiungere un obiettivo. Ognuno di voi ha un talento, inseguite ogni giorno i vostri sogni: ce la potete fare.»

Borse-di-studioPresente alla cerimonia, anche l’Assessore Provinciale al Lavoro, Carlo Chiama: «”Il futuro entra in noi molto prima che accada”, diceva Rainer Maria Rilke. Secondo me questa frase significa che ci sono piccoli segnali che inducono al cambiamento. La capacità di stare al passo con i tempi è fondamentale. Il cambiamento fa paura, e credo che si tenda a riscoprire le tradizioni per sicurezza. Nel cambiamento c’è l’esperienza, ma in ogni caso, conservare la memoria è utile, e credo che abbiamo un gran bisogno di riscoprire i buoni esempi. Dobbiamo crescere persone sempre più colte proprio per il cambiamento, perché il futuro non è predeterminato. Il futuro è nelle vostre mani.»

«La fantasia, la voglia di fare, nonché la capacità delle Istituzioni di mettere a disposizione gli strumenti, – ha concluso l’Assessore Regionale al Lavoro, Claudia Porchietto –  può permettervi di diventare professionisti del lavoro anche in Italia. È fondamentale farvi sentire la vicinanza delle Istituzioni, ma poi la partita la giocate voi.»

Gli studenti che hanno ricevuto la borsa di studio (700, 500 e 300 euro) sono stati: per il triennio di “Operatore del benessere – Acconciatura”, Valery Demasi (1° premio), Klizia Chiaffredo (2° premio) e Chiara Leonetti (3° premio).

Per il biennio di “Operatore del benessere – Acconciatura”: Manuel Vigliaturo e Carlotta Simonato (1° premio ex aequo), Alberico Crosasso (2° premio).

Per il biennio di “Operatore del Benessere – Estetica”: Veronica Paglia (1° premio), Alessia Thielke e Maria Antonietta (2° premio ex aequo), Deborah Chindamo (3° premio).

Per il biennio di “Operatore meccanico – Costruzioni su M.U.”: Lorenzo Marco Tarrocchione e Stefano Beruatto (1° premio ex aequo).

Per il triennio di Operatore Elettrico: Gheorghita Claudiu Savin (1° premio), Carmine Carpino e Giovanni Demaio (2° premio ex aequo).