Reportage Fotografico

Reportage Fotografico

RIVAROLO CANAVESE – «Quest’anno il gruppo ha ottenuto un risultato soddisfacente.» È stato il commento iniziale di Salvatore Silvestri, Presidente del gruppo Fidas di Rivarolo fino a dicembre (scadenza del mandato), durante la Festa Sociale che si è tenuta ieri, domenica 13 ottobre, presso la sala comunale situata nell’ex Vallesusa.

Fidas-2013-6Durante la cerimonia di premiazione dei benemeriti, il Consigliere Antonio Leone ha comunicato i dati della raccolta sangue: nel 2012 sono state raccolte 1242 sacche, delle quali 1045 di sangue intero, 184 di plasma e 13 di piastrine e, attualmente, sono stati contati 882 donatori attivi di cui 82 nuovi.

«Quest’anno, come associazione, stiamo rispettando gli standard dello scorso anno; – ha affermato Doriana Nasi, Presidente Regionale Fidas – donare è importante, ma è fondamentale farlo in modo consapevole. Dobbiamo programmare la raccolta per evitare che le sacche vadano sprecate .

Ad esempio a Natale si dona di più e molto va sprecato, mentre a gennaio c’è carenza. Stiamo cercando di raggiungere l’obiettivo della donazione prenotata anche come orario, e ritengo che, con la collaborazione di tutti, si possa raggiungere. Se si avvisa il Direttivo su quando si vuole andare a donare, si possono preparare le sacche necessarie e si evita di sprecare risorse.»

Il Presidente Regionale ha altresì informato, su domanda di un donatore presente, circa la riforma Fornero che prevede, per i donatori, lavoratori dipendenti che vanno in pensione, due possibilità: o la decurtazione del 2% nella pensione, relativa ai giorni di donazione, o fermarsi a lavorare qualche giorno in più: «Tutte le associazioni di donazione hanno portato avanti una contrattazione serrata; – ha detto Nasi – ora l’emendamento è al vaglio della Camera e se passerà non ci sarà più il problema della decurtazione.»

I premiati

– 26 diplomi di benemerenza (6 donazioni per le donne e 8 per gli uomini):
Rosanna Buriano Aimonetto, Paolo Carbonatto, Guido Cesarino, Antonio Cinque, Carmine Cirillo, Danilo Della Sala, Rachele Fede, Roberto Francesconi, Matteo Gennari, Andrea Giganti, Giuseppina Giovannini, Angela Graziano, Stefano Iannarelli, Giulia Merlin, Kirubalan Nadarasamaniam, Paola Noascono, Alex Oberto, Elisa Ombra, Roberto Palazzo, Franco Papotti, Alessandro Passalacqua, Stefano Pau, Laura Perotti, Luca Reano, Oscar Remogna e Rosanna Sacco.

– 26 distintivi di bronzo (13 donazioni per le donne e 16 per gli uomini):
Giuseppe Abbatiello, Carlo Avenatti, Olimpia Borracci, Francesco Chiera, Maurizio Costa, Rosina De Fazio, Simona Faruolo, Mariella Fava, Rosita Ferrara, Fabio Freddi, Marcello Galoro, Marco Gozzano, Guido Guidetto, Maria Iania, Daniele Leone, Domenico Levato, Silvana Maero, Alfredo Maffei, Paolo Mancuso, Luca Marchello, Alberto Mazzetto, Alberto Mazzoni, Giacomo Meaglia,Paolo Nepote Fus, Mario Reano e Massimiliano Tarizzo. 

– 24 distintivi d’argento (20 donazioni per le donne e 24 per gli uomini):
Davide Actis, Irene Antonucci, Flavio Boggio, Angelo Caloiaro, Diego Cavaletto, Doriano Cella, Teresina Choa, Nunzio Destro Pastizzaro, Mauro Franco, Marina Gallo, Gianfredi Gallo, Mauro Gallo, Gabriele Gamerro, Andrea Gastaldi, Marco Marengo, Katia Marrazzo, Luca Mendicino, Massimo Moccia, Aldo Schifone, Michele Schillaci, Gustavo Schultze, Guido Segala, Michele Spallino e Silvio Verdoliva.

 – 5 distintivi d’oro (40 donazioni per le donne e 50 per gli uomini):
Gabriella Amosso, Giampiero Castagna , Rino Cella, Giuseppe Meaglia e Alfredo Turchetti.

– 4 seconde medaglie d’oro (60 donazioni per le donne e 75 per gli uomini):
Roberto Merlo, Maria Nigro, Lidia Vagina e Claudio Vernetti Blina.

– 1 quarta medaglia d’oro (100 donazioni per le donne e 125 per gli uomini):
Fervida Pavan.