SCARMAGNO –  Claudia Porchietto, Assessore al Lavoro della Regione Piemonte, ha annunciato che la situazione della cassa integrazione e’ stata sbloccata, cercando di tranquillizzare i lavoratori dell’ex Olivetti di Scarmagno, che l’altro giorno hanno organizzato un presidio sotto gli uffici dell’assessorato.

Claudia Porchietto
Claudia Porchietto
“Ci sono situazioni delicate – sostiene l’esponente della Giunta Cota – che vanno gestite con estremo riserbo visto che ci sono in gioco commesse importanti e livelli occupazionali rilevanti.
In primo luogo – ha proseguito Porchietto – posso rassicurare che Finpiemonte sta lavorando quotidianamente con CellTell per verificare la possibilità di un supporto finanziario volto al rilancio dell’azienda, nell’ambito del processo di riorganizzazione societaria avviato con Telis. Questo è un modo concreto per garantire i lavoratori e gli eventuali investimenti che potrà mettere in campo il pubblico. Sulle aree avevo avuto ad inizio luglio rassicurazioni sia dall’impresa sia dal fondo immobiliare che l’accordo era stato raggiunto, così non è stato. Stiamo già lavorando su altre ipotesi che peraltro la proprietà sta già vagliando in questi giorni. Sul fronte delle commesse ho interloquito con i soggetti interessati e questi mi hanno garantito attenzione per la strategicità dell’area e per i lavoratori ex Olivetti, certamente bisogna tenere i tempi all’azienda e dipanare al più presto la questione della sede. Quello che è certo è che la Regione non si può sostituire né all’imprenditore, né alle aziende committenti, né ai fondi immobiliari. Stiamo facendo tutto il possibile e anche di più”. Per quanto concerne la cassa integrazione, la Regione Piemonte ha contattato la direzione regionale dell’Inps, che ha “Di fatto sbloccato ieri, autorizzandola – ha concluso l’Assessore Regionale –
la situazione della cassa integrazione per i lavoratori di Scarmagno. Ora si dovrà attendere i tempi tecnici per l’erogazione”.