TORINO – «L’industria ferroviaria piemontese traina in controtendenza e Alstom è un eccellenza piemontese». Questo il primo commento dell’Assessore Regionale ai Trasporti Barbara Bonino, orgogliosa del polo ferroviario piemontese.

Alstom«Nuova linfa lavorativa – prosegue Bonino – per una realtà piemontese da sempre eccellenza dell’ingegneria ferroviaria. 70 nuovi treni per l’Italia, di cui 14 che rimarranno in Piemonte grazie agli investimenti di Trenitalia e della Regione Piemonte inclusi nel contratto di servizio siglato durante il primo anno del nostro mandato. Gli effetti costruttivi del nostro lavoro si vedono anche in termini di occupazione considerando che, per produrre un’intera flotta, saranno assunti circa 300 persone per un totale di un milione di ore di lavoro, senza dimenticare le ricadute positive dell’intero indotto ferroviario. L’acquisto di nuovo materiale rotabile – conclude l‘Assessore – é il terzo pilastro della riforma del trasporto pubblico. Dopo una prima riorganizzazione della rete ferroviaria, la nascita dell’SFM, era necessario un cambio di passo sulla qualità dei rotabili che sarà garantita con l’arrivo dei prossimi 14 treni entro giugno 2015.»