viabilitaTORINO – Il Presidente Antonio Saitta e l’Assessore alla Viabilità Alberto Avetta, hanno fatto il punto, durante una conferenza stampa che si è tenuta ieri, sui cantieri, sulle nuove opere e sulla manutenzione dei 3.050 chilometri di strade che la Provincia di Torino ha il compito di mantenere in sicurezza: ogni anno per la loro percorribilità e transitabilità (interventi per lo sgombero neve, rimozione di frane, riasfaltature e altro) sarebbero necessari 40 milioni di euro.
Per il 2013 la Provincia ha a disposizione 16 milioni e 200 mila così suddivisi: 9 milioni e 700 mila per gestione mezzi, carburante, gestione invernale, segnaletica, forniture, 7 milioni e 500mila per appalti, manutenzione ordinaria (bitumature) e per un fondo destinato ad interventi urgenti.
«I cantieri in corso – hanno spiegato – sono 31 per un totale di 41 milioni di euro: la messa in sicurezza della ex statale 393 di Villastellone, il secondo lotto della circonvallazione di Borgaretto e la variante di Borgofranco d’Ivrea sono i più importanti insieme a tanti interventi per la messa in sicurezza delle zone alluvionate nel 2008 e nel 2011, in particolare nel Pinerolese e Val Germanasca. Ce ne sarebbero altri 38 pronti, per un totale di 30 milioni di euro, bloccati però nell’avvio dai vincoli del patto di stabilità. A giorni invece – hanno aggiunto Saitta e Avetta – riusciremo a far partire i primi interventi di manutenzione programmata per la pavimentazione sull’intera rete stradale per 5 milioni e 594 mila euro. In fase di sblocco abbiamo altri 18 interventi per un importo complessivo di 3 milioni e 182 mila: sono piccoli interventi sul territorio periferico, attesi da tempo. I principali riguardano la messa in sicurezza di infrastrutture, ponti, muri di sostegno, incroci. Resta poi l’ultimo blocco di 13 interventi per 21 milioni e 599 mila euro che saranno sbloccati appena i vincoli del patto di stabilità saranno allentati.